NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Letture di oggi

14. aprile 2021 : Mercoledì della II settimana di Pasqua
S. Giovanni di Montemarano, vescovo († 1095)
Atti degli Apostoli 5,17-26.

In quei giorni, si alzò il sommo sacerdote e quelli della sua parte, cioè la setta dei sadducei, pieni di livore,
fatti arrestare gli apostoli li fecero gettare nella prigione pubblica.
Ma durante la notte un angelo del Signore aprì le porte della prigione, li condusse fuori e disse:
"Andate, e mettetevi a predicare al popolo nel tempio tutte queste parole di vita".
Udito questo, entrarono nel tempio sul far del giorno e si misero a insegnare. Quando arrivò il sommo sacerdote con quelli della sua parte, convocarono il sinedrio e tutti gli anziani dei figli d'Israele; mandarono quindi a prelevare gli apostoli nella prigione.
Ma gli incaricati, giunti sul posto, non li trovarono nella prigione e tornarono a riferire:
"Abbiamo trovato il carcere scrupolosamente sbarrato e le guardie ai loro posti davanti alla porta, ma, dopo aver aperto, non abbiamo trovato dentro nessuno".
Udite queste parole, il capitano del tempio e i sommi sacerdoti si domandavano perplessi che cosa mai significasse tutto questo,
quando arrivò un tale ad annunziare: "Ecco, gli uomini che avete messo in prigione si trovano nel tempio a insegnare al popolo".
Allora il capitano uscì con le sue guardie e li condusse via, ma senza violenza, per timore di esser presi a sassate dal popolo.

Salmi 34(33),2-3.4-5.6-7.8-9.

Benedirò il Signore in ogni tempo,
sulla mia bocca sempre la sua lode.
Io mi glorio nel Signore,
ascoltino gli umili e si rallegrino.
Celebrate con me il Signore,
esaltiamo insieme il suo nome.
Ho cercato il Signore e mi ha risposto
e da ogni timore mi ha liberato.
Guardate a lui e sarete raggianti,
non saranno confusi i vostri volti.
Questo povero grida e il Signore lo ascolta,
lo libera da tutte le sue angosce.
L'angelo del Signore si accampa
attorno a quelli che lo temono e li salva.
Gustate e vedete quanto è buono il Signore;
beato l'uomo che in lui si rifugia.

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Giovanni 3,16-21.

In quel tempo, Gesù disse a Nicodemo: «Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non muoia, ma abbia la vita eterna.
Dio non ha mandato il Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo si salvi per mezzo di lui.
Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è gia stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell'unigenito Figlio di Dio».
E il giudizio è questo: la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno preferito le tenebre alla luce, perché le loro opere erano malvagie.
Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere.
Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio».

"Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito" (Gv 3,16)
Beato Columba Marmion (1858-1923), abate

Lo spirito di abbandono

Sono infinite le meraviglie e le manifestazioni dell'amore di Dio. L'amore divino risplende non solo nel fatto della nostra adozione, ma nell'ammirabile via scelta da Dio per realizzarla in noi.

Dio ci ama di amore infinito, di amore paterno; ma ci ama nel Figlio. Per farci suoi figli, Dio ci dà suo Figlio Cristo Gesù: è quello il dono supremo dell'amore. "Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito" (Gv 3,16). E perché ce lo dà? Perché sia la nostra sapienza, santificazione, redenzione, giustizia; la nostra luce e la nostra via; il nostro cibo e la nostra vita: in una parola perché serva da mediatore fra lui e noi. Cristo Gesù, Verbo incarnato, colma l'abisso che separava l'uomo da Dio. E' nel suo Figlio e per mezzo di suo Figlio che Dio diffonde dal cielo sulle nostre anime tutte le benedizioni divine della grazia che ci fanno vivere da figli degni del Padre celeste (cf. Ef 1,3).

Tutte le grazie ci vengono per mezzo di Gesù; è per lui che ogni bene viene dal cielo; Dio ci ama nella misura in cui amiamo suo Figlio Gesù e crediamo in lui. Nostro Signore stesso ci dice questa parola consolante: "Il Padre stesso vi ama, poiché voi mi avete amato, e avete creduto che io sono venuto da Dio" (Gv 16,27). Quando il Padre vede un'anima piena d'amore per suo Figlio, la colma delle più grandi benedizioni.

Fonte: Vangelo del Giorno

 


 

Anno Liturgico


Notice: Only variables should be assigned by reference in /home/parrocchiariesep/public_html/modules/mod_cathlit/mod_cathlit.php on line 15

 

Santo di oggi

Area riservata

Accedi Registrati

Google Translate

itzh-TWenfrdeptrues

Donazioni239x100

Condividi su:

FacebookTwitterDeliciousStumbleuponReddit