NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Prossimi appuntamenti

Domenica 17 Feb 2019 10:30 Parrocchia di Spineda
S. Messa con i ragazzi del catechismo di 2a e 3a media
S. Messa con i ragazzi del catechismo di 2a e 3a media assieme ai loro genitori. Al termine, in oratorio, il pranzo condiviso.
Chiesa e Oratorio di Spineda
Domenica 17 Feb 2019 10:45 Parrocchia di Riese
S. Messa assieme agli amici del gruppo Alpini di Riese
S. Messa assieme agli amici del gruppo Alpini di Riese Pio x
Chiese di Riese
Lunedì 18 Feb 2019 20:30 Parrocchia di Spineda
Riunione per gestione Oratorio Spineda
Lunedì 18/2: ore 20.30 riunione per gestione Oratorio (turni vigilanza e pulizie, organizzazione eventi come festa di carnevale, il Gr.Est, pizzaconnoi, ecc.). Per sostenere ...
Oratorio di Spineda
Martedì 19 Feb 2019 20:30 Collaborazione parrocchie comune Riese
Riunione di Pastorale giovanile
Riunione di Pastorale giovanile
Oratorio a Riese
Mercoledì 20 Feb 2019 21:00 Collaborazione parrocchie comune Riese
LECTIO sul Vangelo della Domenica in Casa Margherita
LECTIO sul Vangelo della Domenica in Casa Margherita. Aperta a tutti, in particolare a lettori, ministri e catechisti.  
Casa Margherita
Giovedì 21 Feb 2019 15:45 Parrocchia di Riese
Incontro delle catechiste delle elementari e medie
Incontro delle catechiste delle elementari e medie per la Quaresima
Oratorio a Riese
Giovedì 21 Feb 2019 20:30 Parrocchia di Spineda
Incontro delle catechiste di elementari e medie a Spineda
Incontro di tutte le catechiste delle elementari e medie per organizzare la Quaresima.
Oratorio di Spineda
Venerdì 22 Feb 2019 19:30 Collaborazione parrocchie comune Riese
Incontro giovani con la condivisione della cena.
Incontro giovani con la condivisione della cena.
Canonica a Vallà
Venerdì 22 Feb 2019 21:00 Collaborazione Riese-Spineda
Incontro 'Vangelo nelle Case'
Incontro del Venerdì con il VANGELO DI LUCA La proposta “VANGELO NELLE CASE”, che da 2 anni è stata avviata nella nostra parrocchia su ...
Abitazioni private
Sabato 23 Feb 2019 15:30 > 19:30 Collaborazione parrocchie comune Riese
Ritiro cresimandi
  dalle 15.30 alle 19.30 ritiro cresimandi nelle strutture parrocchiali di Vallà. ore 18.30 celebreremo insieme la S. Messa con la presenza dei genitori e ...
Strutture parrocchiali di Vallà

SS Messe di oggi e domani

domenica, 17 febbraio 2019
6^ Domenica T.O. (Lc 6, 17.20-26)
07.30
Spineda
def.ti: don Benito Zardo ord. Erminio e sorelle; Zanon Settimo ord. via Cendrole; Pilla Francesca ord. Vial Maria (Bergamin); per i def.ti della classe ‘44 ord. la classe; Pilla Francesca ord. via 13 aprile; Cividal Ida ord. figlia; Barichello Virginio ord. fam. Scopel; Colbalchini Virginia ord. Geniva; Bragagnolo Angelo ord. Renza e Angelo.
09.00
Riese
def.ti: Borsato Guglielmo e Antonietta; Bortignon Albina; Saccardo Luigia; Monico Guglielmo; Cazzolato Elio; Scapinello Tullio.
10.30
Spineda
def.ti: Pivato Massimo, Pio e Maria; Dal Bello Antonia ord. figli; Feltracco Lucina ord. zia Vilma; Porcellato Bruno ord. classe ‘74; Pilla Anselmo e Norina per riconoscenza; Mascotto Maria ord. Flora.
10.45
Riese
def.ti: Carlesso Antonio e Olga; Piva Rino e fam.; Guidolin Leo; De Lucchi Pompeo e Palverso Angela; Ganassin Eugenio e Marcella; Gazzola Mario ann.; Beltrame Luigi e Bruna; Stradiotto Giuseppe; per gli alpini vivi e def.ti.
14.30
Spineda
S. Rosario
18.00
Cendrole
def.ti: Bianchin Bruna; Gazzola Luigina ann.; Saccardo Luigia; Beltrame Pietro e Maria.
lunedì, 18 febbraio 2019
B. Giovanni da Fiesole (Beato Angelico) (Mc 8, 11-13)
08.00
Riese
def.ti: Zanellato Giorgio; Zilio Giuseppina e Geminiano; Berno Sergio; Monico Gino e Amedeo; Monico Gianni.
18.30
Spineda
def.ti: Bergamin Lucia ord. classe ‘59; Porcellato Bruno ord. fratelli e sorelle; Bergamin Oliva ord. famiglia; Cerantola Antonio e don Fernanado ord. Cerantola Elisabette; Favaro Giovanni e Pozzobon Bruna ord. fam. Carlesso Dino.

Il giuramento antimodernista

 

Il giuramento antimodernista imposto da Papa Pio XActa Apostolicæ Sedis, 1910, pp. 669-672

 

IO (NOME). fermamente accetto e credo in tutte e in ciascuna delle verità definite, affermate e dichiarate dal magistero infallibile della Chiesa, soprattutto quei principi dottrinali che contraddicono direttamente gli errori del tempo presente.

Primo: credo che Dio, principio e fine di tutte le cose, può essere conosciuto con certezza e può anche essere dimostrato con i lumi della ragione naturale nelle opere da lui compiute (cf Rm 1,20), cioè nelle creature visibili, come causa dai suoi effetti.

Secondo: ammetto e riconosco le prove esteriori della rivelazione, cioè gli interventi divini, e soprattutto i miracoli e le profezie, come segni certissimi dell'origine soprannaturale della religione cristiana, e li ritengo perfettamente adatti a tutti gli uomini di tutti i tempi, compreso quello in cui viviamo.

Terzo: con la stessa fede incrollabile credo che la Chiesa, custode e maestra del verbo rivelato, è stata istituita immediatamente e direttamente da Cristo stesso vero e storico mentre viveva fra noi, e che è stata edificata su Pietro, capo della gerarchia ecclesiastica, e sui suoi successori attraverso i secoli.

Quarto: accolgo sinceramente la dottrina della fede trasmessa a noi dagli apostoli tramite i padri ortodossi, sempre con lo stesso senso e uguale contenuto, e respingo del tutto la fantasiosa eresia dell'evoluzione dei dogmi da un significato all'altro, diverso da quello che prima la Chiesa professava; condanno similmente ogni errore che pretende sostituire il deposito divino, affidato da Cristo alla Chiesa perché lo custodisse fedelmente, con una ipotesi filosofica o una creazione della coscienza che si è andata lentamente formando mediante sforzi umani e continua a perfezionarsi con un progresso indefinito.

Quinto: sono assolutamente convinto e sinceramente dichiaro che la fede non è un cieco sentimento religioso che emerge dall'oscurità del subcosciente per impulso del cuore e inclinazione della volontà moralmente educata, ma un vero assenso dell'intelletto a una verità ricevuta dal di fuori con la predicazione, per il quale, fiduciosi nella sua autorità supremamente verace, noi crediamo tutto quello che il Dio personale, creatore e signore nostro, ha detto, attestato e rivelato.

Mi sottometto anche con il dovuto rispetto e di tutto cuore aderisco a tutte le condanne, dichiarazioni e prescrizioni dell'enciclica Pascendi e del decreto Lamentabili, particolarmente circa la cosiddetta storia dei dogmi.

Riprovo altresì l'errore di chi sostiene che la fede proposta dalla Chiesa può essere contraria alla storia, e che i dogmi cattolici, nel senso che oggi viene loro attribuito, sono inconciliabili con le reali origini della religione cristiana.

Disapprovo pure e respingo l'opinione di chi pensa che l'uomo cristiano più istruito si riveste della doppia personalità del credente e dello storico, come se allo storico fosse lecito difendere tesi che contraddicono alla fede del credente o fissare delle premesse dalle quali si conclude che i dogmi sono falsi o dubbi, purché non siano positivamente negati.

Condanno parimenti quel sistema di giudicare e di interpretare la sacra Scrittura che, disdegnando la tradizione della Chiesa, l'analogia della fede e le norme della Sede apostolica, ricorre al metodo dei razionalisti e con non minore disinvoltura che audacia applica la critica testuale come regola unica e suprema.

Rifiuto inoltre la sentenza di chi ritiene che l'insegnamento di discipline storico-teologiche o chi ne tratta per iscritto deve inizialmente prescindere da ogni idea preconcetta sia sull'origine soprannaturale della tradizione cattolica sia dell'aiuto promesso da Dio per la perenne salvaguardia delle singole verità rivelate, e poi interpretare i testi patristici solo su basi scientifiche, estromettendo ogni autorità religiosa e con la stessa autonomia critica ammessa per l'esame di qualsiasi altro documento profano.

Mi dichiaro infine del tutto estraneo ad ogni errore dei modernisti, secondo cui nella sacra tradizione non c'è niente di divino o peggio ancora lo ammettono ma in senso panteistico, riducendolo ad un evento puro e semplice analogo a quelli ricorrenti nella storia, per cui gli uomini con il proprio impegno, l'abilità e l'ingegno prolungano nelle età posteriori la scuola inaugurata da Cristo e dagli apostoli.

Mantengo pertanto e fino all'ultimo respiro manterrò la fede dei padri nel carisma certo della verità, che è stato, è e sempre sarà nella successione dell'episcopato agli apostoli (1), non perché si assuma quel che sembra migliore e più consono alla cultura propria e particolare di ogni epoca, ma perché la verità assoluta e immutabile predicata in principio dagli apostoli non sia mai creduta in modo diverso né in altro modo intesa (2).

Mi impegno ad osservare tutto questo fedelmente, integralmente e sinceramente e di custodirlo inviolabilmente senza mai discostarmene né nell'insegnamento né in nessun genere di discorsi o di scritti.

Così prometto, così giuro, così mi aiutino Dio e questi santi Vangeli di Dio.

 

 

 


Note:

  1. Ireneo, Adversus haereses, 4, 26, 2: PG 7, 1053.
  2. Tertulliano, De praescriptione haereticorum, 28: PL 2, 40.

Bollettino settimanale

NewsletterLogoRicevi nella tua casella di posta ogni venerdì/sabato le attività, gli orari e le intenzioni delle messe della settimana successiva.

Da Papa Francesco

  • 5 hours ago

    Il cristiano promuove la pace, a cominciare dalla comunità in cui vive.

  • yesterday

    Gesù ci chiede di realizzare una sola opera d’arte, possibile a tutti: quella della nostra vita.

  • 2 days ago

    La verità è la rivelazione meravigliosa di Dio, del suo volto di Padre, è il suo amore sconfinato.

Area riservata

Accedi Registrati

Google Translate

itzh-TWenfrdeptrues

Donazioni239x100

Condividi su:

FacebookTwitterDeliciousStumbleuponReddit