NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

San Pio X: il nostro 'fratello Giuseppe'

 

 

San Pio X: il nostro 'fratello Giuseppe'La Porziuncula, una chiesa semplice all'interno della Basilica di S Maria degli Angeli, dove i primi francescani lodarono e glorificarono Dio.

Il 21 agosto si celebra la festa di un santo francescano: Papa Pio X. Nato Giuseppe Sarto, entrato in seminario a 15 anni, ordinato sacerdote a 23 anni, divenne parroco di Salzano (provincia di Venezia) all'età di 32 anni, dove rimase per i successivi otto anni.


È durante la sua residenza a Salzano che divenne professore dell'Ordo Franciscanum Saecularis. Originariamente conosciuto come Fratelli e Sorelle della Penitenza, questo fu il terzo ordine fondato da San Francesco dopo quello dei Frati Minori (i Francescani) e delle Povere Signore (le Clarisse). Accolse coloro che desideravano seguire la vita del Vangelo ma non potevano unirsi agli ordini ‘regolari’, che comprendevano uomini e donne sposati, clero diocesano, e anche quelli che erano singoli, ma prevedevano la chiamata al matrimonio.


‘Fratello Giuseppe’ era noto per la sua gentilezza verso i poveri. Egli restaurò la Chiesa di Salzano, ampliò l'ospedale, e durante i suoi anni di vescovo di Mantova fu conosciuto per dare copie di testi di teologia dogmatica e morale ai seminaristi poveri.


Dopo l'elezione a vescovo di Roma, con il nome di Pio X, seguì il suo padre spirituale San Francesco nel promuovere la devozione alla Santa Eucaristia, anche quando ciò significava rompere con abitudini consolidate nella Chiesa latina.


Incoraggiava i fedeli a ricevere la Santa Comunione quotidianamente in un tempo in cui la comunione frequente era ben lungi dall'essere la pratica abituale. Ha anche dispensato i malati dal digiuno pre-comunione, che a quel tempo era dovuto dalla mezzanotte del giorno precedente. Inoltre, ha fortemente incoraggiato a dare la prima comunione ai bambini non appena manifestavano sufficiente discernimento, abbassando l'età della ragione da 12 a 7 anni. Infine, ha sollecitato la ricezione frequente del Sacramento della Riconciliazione per ricevere degnamente la Santa Comunione.


Intendendo "restaurare ogni cosa in Cristo", iniziò una serie di vaste riforme della liturgia.


Il primo passo che ha intrapreso in questa direzione è stato quello di affermare il primato del canto gregoriano nelle chiese latine, ma non per le ragioni che alcuni oggi desiderano attribuirgli ... Lo ha fatto perché rappresentava uno stile musicale molto più semplice dello stile teatrale che era predominante all'epoca, cioè composizioni classiche e barocche. Il suo intento era onnicomprensivo: ripristinando il canto del popolo, desiderava ripristinare la partecipazione attiva dei fedeli nella liturgia. In questo sarebbe stato echeggiato dal suo successore alla cattedra di Pietro, che insisteva sul fatto che il canto doveva essere ripristinato all'uso del popolo poiché "è proprio necessario che i fedeli partecipino alle sacre cerimonie non come se fossero estranei o muti spettatori“.


Insistendo sull'importanza della partecipazione dei fedeli laici alla vita della Chiesa, San Pio X ordinò che venissero fissati corsi di catechismo in ogni parrocchia del mondo e redasse un Catechismo noto per la sua "semplicità di esposizione e profondità di contenuti", che ha trovato il suo degno successore nel Catechismo della Chiesa Cattolica, non destinato all'uso del clero, ma all'intero Popolo di Dio.


Le sue riforme più onnicomprensive sono state del Codice di diritto canonico e dell'Ufficio divino. Il primo ha ricevuto una struttura universale. Il secondo fu una revisione importante: abolì e proibì il Breviario stabilito da San Pio V, promulgando una revisione che riorganizzò i salmi, dividendoli quando erano troppo lunghi e riducendo significativamente le singole Ore. Le modifiche resero necessaria anche una riforma del Messale Romano, che fu completata nell'edizione tipica del 1920 dal suo successore alla Sede Apostolica. Questa fu la quarta revisione della cosiddetta "Messa tridentina" dal giorno in cui San Pio V la stabilì come norma per la maggior parte del clero diocesano di rito latino.


Durante il suo pontificato, San Pio X era molto vicino al popolo in tempi di disastri naturali - ricordiamo il terremoto in Sicilia e l'eruzione del Vesuvio - e ha mostrato la sua cura paterna verso l'Ordine Francescano Secolare, chiedendo ai frati francescani di prendersi cura di loro (vedi il documento in latino qui). Lo spirito francescano che permeava la sua vita e il suo pontificato poteva essere sintetizzato dalle sue parole sull'atteggiamento cattolico nei confronti del Santo Padre:

"Come deve essere amato il Papa? Non a parole, né in lingua, ma in azione, e in verità. Quando una persona è amata, si cerca di aderire in tutto ai suoi pensieri, di eseguire la sua volontà, di interpretare i suoi desideri. Quando amiamo il Papa, non facciamo discussioni su ciò che dispone o esige, o su quanto debba essere lontana l'obbedienza e su quali cose bisogna obbedire; non diciamo che non ha parlato abbastanza chiaramente ... non poniamo i suoi ordini in dubbio ... non limitiamo lo scopo in cui può e deve esercitare la sua autorità; non poniamo al di sopra dell'autorità del Papa quella delle altre persone, non importa quanto è istruito chi dissente dal Papa, che può essere istruito ma non è santo, perché chi è santo non può dissentire dal Papa.

Questo è il grido di un cuore dolorante, che esprimo con profonda amarezza, non per vostro amore, amati fratelli, ma con voi per deplorare la condotta di molti sacerdoti, che non solo osano discutere e criticare i desideri del Papa, ma non si vergognano di raggiungere una disobbedienza impudente e spudorata, con tanto scandalo per il bene e con tanta rovina di anime”. (Discorso 18-XI-1912)


In ciò riecheggia le parole del Serafico Padre che scrive:

"Fratello Francesco, e chiunque sia a capo di questa religione, promette obbedienza e riverenza a nostro Signore Papa Innocenzo e ai suoi successori. E gli altri fratelli dovranno obbedire a frate Francesco e ai suoi successori. [...] Tutti i fratelli siano cattolici, vivono e parlano in modo cattolico. Nessuno dei fratelli predichi in modo contrario alla forma e all'istituzione della santa Chiesa romana. (Regola)

Il Signore mi ha dato e mi dà ancora tanta fede nei sacerdoti che vivono secondo il modo della santa Chiesa romana per il loro ordine, che se mi perseguitassero, farei ancora ricorso a loro. E se possedessi tutta la saggezza di Salomone e mi imbattessi in pietosi preti di questo mondo, non predicherei in modo contrario alla loro volontà nelle parrocchie in cui vivono. E desidero temere, amare e onorare loro e tutti gli altri come miei maestri. E non voglio considerare il peccato in loro perché scorgo il Figlio di Dio in loro e loro sono i miei padroni". (Testamento)


Sappiamo che San Pio X ha detto: "Sono nato povero, ho vissuto povero e desidero morire povero". Si ammalò durante la festa dell'Assunzione, oppresso anche dall'angoscia della prima guerra mondiale che aveva provato così duramente a impedire, ha espressamente vietato l'imbalsamazione delle sue spoglie e fu sepolto in una semplice e disadorna tomba nella cripta della Basilica di San Pietro.


A lui il Signore ha affidato la Chiesa in un momento molto difficile - quando il mondo stava passando alle Grandi Guerre che avrebbero cambiato per sempre il suo volto e avrebbero inaugurato una nuova era per la civiltà in termini di distruzione e ricostruzione. Siamo tutti in debito con lui per il coraggio e la semplicità con cui ha abbracciato il compito di porre le basi

 

 

 


Fonte: Franciscan of life (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Il contenuto non impegna, nè dipende dalla Parrocchia S. Matteo di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei alla Parrocchia, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche storiche, mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

 

Hanno detto di Lui

Area riservata

Accedi Registrati

Google Translate

itzh-TWenfrdeptrues

Donazioni239x100

Condividi su:

FacebookTwitterDeliciousStumbleuponReddit