Importanza e influenza del Beato Cardinale Newman ... anche su Pio X

Blessed Cardinal John Henry NewmanIl cardinale John Henry Newman (beato e presto santo, 1801-1890) fu una figura di primo piano (se non la principale) nella Chiesa d'Inghilterra prima della sua conversione al cattolicesimo nel 1845; studioso di Oxford con capacità brillanti a parlare e scrivere. I suoi sermoni parrocchiali e semplici (1834-42), sono considerati da molti i migliori sermoni in lingua inglese e hanno "una profonda influenza sulla vita religiosa non solo di Oxford ma dell'intero paese" [F. L. Cross & E.A. Livingstone ed., Oxford Dictionary of the Christian Church, Oxford Univ. Print, 2a ed., 1983, 965].


Fu uno dei principali promotori dell'Oxford, or Tractarian Movement, e autore di ventiquattro Tracts for the Times, che cercarono entrambi di difendere una visione dell'anglicanesimo che era intermedia tra cattolicesimo e protestantesimo (ma molto più vicino al primo).


Il suo Essay on the Development Of Christian Doctrine (saggio sullo sviluppo della dottrina cristiana, 1845), scritto immediatamente prima della sua conversione, è considerato il lavoro fondamentale sull'argomento, mentre la sua autobiografia spirituale, Apologia pro vita Sua (1864), è un modello di lavoro sulla conversione. A Grammar Of Assent (1870) è il suo studio notevole sulla conoscenza e certezza religiosa. Newman fu nominato Cardinale nel 1877.


Citeremo ora alcune opinioni di non cattolici sull'influenza, l'abilità e l'importanza di Newman:

Il suo uso fruttuoso dell'idea di sviluppo ... e la sua profonda conoscenza della natura e dei motivi della fede religiosa, lo collocano al primo posto tra i moderni pensatori cristiani ... il suo genio è stato sempre più riconosciuto dopo la sua morte. (Cross, ibid., 966)

Un pensatore profondo e sottile. (Winston Churchill, The Great Democracies, Dodd, Mead & Co. New York, 1958, 92)

... due dei più acuti intelletti della generazione: Newman e Mill. (Richard D. Altick, Victorian People and Ideas, New York: W. W. Norton & Co., 1973, 189)

Newman ... passò alla chiesa cattolica romana nell'ottobre del 1845. Lo shock fu tremendo. Persino l'inversione delle leggi sui cereali da parte di Peel l'anno successivo non ha creato maggiore eccitazione ... In un paese ... tutto protestante ... questo atto drammatico di un uomo di chiesa così notevole è sembrato un tradimento. (Ibid., 213-214)

... sensibile, erudito ... studioso brillante di classici ... maestro di inglese, sia scritto che parlato. (William P. Barker, Who’s Who In Church History, Grand Rapids, Michigan: Baker Book House, 1969, 202-203)

Quando la sua sincerità è stata messa in discussione, ha risposto ... in quella che divenne nota come Apologia Pro Vita Sua (1864). Si è difeso completamente agli occhi del mondo e allo stesso tempo ha prodotto uno dei più grandi classici spirituali di tutti i tempi ... Le generazioni successive hanno concordato che il Cardinale Newman ha arricchito notevolmente sia la tradizione anglicana che quella cattolica con la sua sapienza e il suo impegno personale verso l'unico Signore della chiesa. (Hugh T. Kerr e John M. Mulder, Conversions, Grand Rapids, Michigan: Eerdmans, 1983, 121-122)

Probabilmente la classica mappa stradale per questo viaggio è quella fornita dall'Apologia del Cardinale Newman. (Jaroslav Pelikan, The Riddle of Roman Catholicism, New York: Abingdon Press, 1959, 207)

Il suo amico Henry Edward Manning e quasi altri 875, di cui quasi 250 ministri o leader teologici di Oxford e Cambridge, lo seguirono nella Chiesa cattolica romana dopo il 1845. (Earle E. Cairns, Christianity Through the Centuries, Grand Rapids, Michigan: Zondervan, edizione riveduta, 1981, 399)

Nel 1838 e nel 1839 Newman iniziò a esercitare un'influenza di vasta portata nella Chiesa d'Inghilterra, ... perché sembrava così deciso a sapere che cosa rappresentava e dove stava andando, perché nella qualità della sua devozione personale i suoi seguaci trovarono un uomo che praticava ciò che predicava, e perché era dotato del dono della scrittura sensibile e a volte di prosa magica ... La sua era una mente penetrante e potente ... Sia nella Chiesa cattolica che nella Chiesa d'Inghilterra la sua influenza è stata fondamentale. (Encyclopedia Britannica, 1985, vol. 8, 658. Scritto dallo storico anglicano Owen Chadwick)

Letto alla luce del successivo sviluppo nei quasi cento anni dalla sua morte, l'Essay on Development si è rivelato il lavoro fondamentale per il pensiero di teologi e storici - e, soprattutto, degli storici di teologia, che, anche se erano costretti a dissentire con i suoi metodi o le sue conclusioni, sono stati comunque obbligati ad accettare la sua formulazione del problema centrale. Non solo ai suoi ultimi discepoli, quindi, ma a molti di coloro che hanno tratto altre conclusioni dalle sue intuizioni, John Henry Newman è diventato il più importante pensatore teologico dei tempi moderni. (Jaroslav Pelikan, The Melody of Theology: A Philosophical Dictionary, Harvard University Press, 1988, 181)


Non sorprende che gli scrittori cattolici siano d'accordo con queste valutazioni:

La notizia dell'ingresso di Newman nella Chiesa cattolica suscitò un'intensa eccitazione. "È impossibile", afferma Mark Pattison, "descrivere l'enorme effetto prodotto nel mondo accademico e clericale ... in tutta l'Inghilterra, da un uomo che cambia la sua religione". Gladstone, il primo ministro, dichiarò: "Considero la decisione di Newman un evento senza precedenti per l'epoca". Più tardi, Disraeli, un altro primo ministro, dichiarò "che quella conversione aveva assestato un colpo in Inghilterra da cui non si sta ancora riprendendo" ... La processione iniziata da Newman non si è mai fermata. Continuando ai nostri giorni, ha portato più di 1.400 sacerdoti anglicani nella Chiesa cattolica. (John A O'Brien, Giganti della fede, Garden City, New York: Doubleday Image, 1957, 157)

C'è abbondanza di testimonianze, nella stampa, dagli amici e colleghi di Newman negli anni di Oxford. Per la maggior parte non lo seguirono nello sviluppo delle sue vedute religiose ... Chi scrive rappresenta per noi una singolare combinazione di genio sofisticato e genuina semplicità naturale ... un gentiluomo, uno studioso, un artista e qualcosa di santo. (Newman, Apologia Pro Vita Sua, Garden City, New York: Doubleday Image, 1956 [originariamente 1864], 7-8 Dall'introduzione di Philip Hughes. Nel febbraio del 1991 Newman fu proclamato "Venerabile", fu beatificato in 2010, e sarà canonizzato come santo nel 2019).

E' stato, nel 1838, la figura più eclatante nella vita dell'università di Oxford. (Ibid., Introduzione, 22)

Newman era una figura nazionale; era stato, ed era ancora in una certa misura, il capo di un partito; si era convertito a Roma quando la conversione a Roma era una cosa quasi inaudita, e il colpo aveva colpito l'Inghilterra come una catastrofe della natura. (Ronald A. Knox, A Spiritual Aeneid, New York: Sheed & Ward, 1950 edizione, xv)


Un altro cattolico (parole in blu) ha posto alcune domande sul Cardinale Newman:

Per prima cosa, lasciatemi dire che ho letto Essay on the Development of Christian Doctrine, e parte dell'Apologia di Newman. Era un pensatore importante e la sua idea sullo sviluppo è innegabilmente vera, almeno in una certa misura. Tuttavia, c'è qualche teologo cattolico ortodosso che non è d'accordo con Newman e ha un'idea alternativa sullo sviluppo della dottrina?

No, per quanto ne so. Vedendo che il papa San Pio X ha appoggiato in modo esplicito Newman e le sue idee (ed egli è 'ortodosso' per definizione, e condannava i modernisti, ed è il 'santo patrono' anche degli ultraconservatori che vanno troppo lontano e che a volte disapprovano lo sviluppo della dottrina), le sue idee sono più o meno 'tradizionali' e accettate e, di fatto, anticipavano gran parte dell'enfasi del Vaticano II.


Quello che si avvicina di più all'opposizione diretta di cui sono a conoscenza (oltre a coloro che lo hanno falsamente etichettato come modernista) sarebbe Orestes Brownson (anch'esso convertito), negli anni Quaranta dell'Ottocento. In realtà ho messo in 'discussione' in parte le sue idee nel mio libro sullo sviluppo. Ho risposto alle sue critiche a Newman. Penso che le sue idee siano state fuorvianti e che lui abbia frainteso in modo decisivo lo sviluppo Newmaniano (che non è poi così diverso dallo sviluppo Vincenziano, solo più particolareggiato per quanto riguarda esempi storici e argomenti), proprio come certi polemisti anti-cattolici: come George Salmon nel 19° secolo e i suoi successori oggi. Ma a suo merito, Brownson in seguito ritrattò queste critiche.

 

Per quanto ne so, Roma non ha preso una posizione ufficiale su Newman, quindi sembra che si possa essere perfettamente ortodossi e in disaccordo con lui. Non sto dicendo che non sono d'accordo con lui; non so che cosa pensare di tutte le sue idee (e forse per essere più confuso non riesco a pensare a qualcosa di specifico che non sia d'accordo con lui). Ad ogni modo, esiste una 'scuola Newman' che si oppone ad un'altra 'scuola' nei circoli teologici cattolici? Le idee di Newman sono un argomento di discussione nei circoli cattolici? Pensavo potessi saperlo dal momento che sembra che tu sia un esperto di Newman.

Non credo che ci sia grande dibattito, se c'è, tra i cattolici ortodossi. Ad esempio, il Papa 'tradizionale' San Pio X pensava che Newman fosse del tutto ortodosso, e lo difese contro accuse contrarie. Lo sviluppo della dottrina è accettato come un dato, e non c'è teoria, a mia conoscenza, di particolari storici che rivaleggiano con Newman. Anche uno studioso luterano-allora-ortodosso come Jaroslav Pelikan è pieno di ammirazione per il genio di Newman in questo senso (come abbiamo visto sopra). Gli apologisti protestanti Norman Geisler e Ralph MacKenzie, nella loro critica principale del cattolicesimo, Roman Catholics and Evangelicals: Agreements and Differences (Grand Rapids, Michigan: Baker Books, 1995, 459), notano che:

Alcuni evangelici, tuttavia, hanno sopravvalutato il caso contro la teoria dello sviluppo di Newman ... Newman è accusato di fornire il quadro storico / teologico che sarebbe diventata 'trama e ordito' del Modernismo cattolico romano nei primi anni del secolo scorso. Inoltre, si sostiene che la teoria di Newman faccia appello a fonti o autorità precedenti (come Agostino, Aquino, Trento e Vaticano I) datate e irrilevanti. Questo potrebbe essere il punto di vista dei teologi liberali cattolici, ma è fermamente respinto dai tradizionalisti.


Citano poi l'adesione di papa Pio X al lavoro di Newman e notano la "somiglianza tra la teoria dello sviluppo di Newman e la comprensione protestante della 'rivelazione progressiva' ", una discussione che sto portando avanti da dodici anni. 'Tradizionalista' per Geisler significa semplicemente 'cattolico ortodosso'. Sicuramente considero me stesso un tradizionalista in questo senso.


Papi recenti hanno espresso opinioni brillanti sul Cardinale Newman, sul suo pensiero e sull'influenza spirituale e teologica positiva. Papa San Paolo VI si rivolse così agli studiosi di Newman il 7 aprile 1975:

Molti dei problemi che trattava con saggezza - sebbene egli stesso fosse spesso frainteso e male interpretato nel suo tempo - erano i temi della discussione e dello studio dei Padri del Concilio Vaticano II, come ad esempio la questione dell'ecumenismo, la relazione tra cristianesimo e mondo, l'enfasi sul ruolo dei laici nella Chiesa e il rapporto della Chiesa con le religioni non cristiane. Non solo questo Consiglio ma anche il tempo presente può essere considerato in un modo speciale come l'ora di Newman, ...


E nel 1970 lo stesso papa si rivolse così a un congresso di Newman:

Il profondo cambiamento che turba il mondo e la Chiesa e i cui effetti sperimentiamo ogni giorno di più, rendono sempre più prezioso il nostro contatto con il pensiero di Newman. Questo pensiero era profondamente radicato nella fede e, allo stesso tempo, era in stretta sintonia con le migliori esigenze dell'intelligenza e dei sentimenti moderni. Come sant'Agostino, Newman sapeva quanto costava soffrire per scoprire l'intera verità ... Oggi, quando tutto viene sistematicamente messo in discussione, possiamo senza dubbio trarre molto profitto imbevendoci delle profonde visioni del 'Essay on the Development of the Christian Doctrine' (Vedi, per esempio, Jean Guitton, La Philosophie de Newman, Parigi, Boivin, 1933) sullo sviluppo organico della dottrina della Chiesa, legato alla crescita del suo corpo vivente attraverso le vicissitudini di venti secoli di storia, in cui le verità non ancora formulate e le convinzioni latenti assumono gradualmente un'espressione definita sotto l'influenza dello Spirito. Né possiamo non notare il valore delle analisi nella Grammar of Assent per l'uomo moderno che, influenzato dalle nuove tendenze filosofiche, difficilmente può trovare la strada per una certezza verificabile, cioè non legata a una sfuggente e mutevole sincerità, ma radicato in una convinzione ragionata che può ben appoggiarsi sull'esperienza interiore, ma poggia prima di tutto su una rivelazione oggettiva.


Papa Giovanni Paolo II ha fatto eco a questi pensieri:

L'elevazione di Newman al Cardinalato, come la sua conversione alla Chiesa cattolica, è un evento che trascende il semplice fatto storico, così come l'importanza che ha avuto per il suo paese. I due eventi sono da tempo profondamente inscritti nella vita ecclesiale ben oltre le coste dell'Inghilterra. Il significato provvidenziale e l'importanza di questi eventi per la Chiesa in generale sono stati visti più chiaramente nel corso del nostro secolo. Lo stesso Newman, con una visione quasi profetica, era convinto di lavorare e soffrire per la difesa e l'affermazione della causa della religione e della Chiesa non solo nel suo tempo, ma anche nel futuro. La sua influenza ispiratrice come grande maestro della fede e come guida spirituale viene percepita sempre più chiaramente ai nostri giorni, come sottolineato da Paolo VI nel suo discorso all'Academic Symposium del Cardinale Newman durante l'Anno Santo 1975. ... Il pensiero filosofico e teologico e la spiritualità del cardinale Newman, così profondamente radicati e arricchiti dalla Sacra Scrittura e dagli insegnamenti dei Padri, mantengono ancora la loro particolare originalità e valore. Come figura di spicco del movimento di Oxford, e in seguito come promotore di un autentico rinnovamento nella Chiesa cattolica, Newman ha una speciale vocazione ecumenica non solo per il suo paese ma anche per tutta la Chiesa. Insistendo "che la Chiesa deve essere preparata per i convertiti, così come i convertiti preparati per la Chiesa" (J. H. Newman Autobiographical Writings, edito H. Tristram), ha già in una certa misura anticipato nella sua ampia visione teologica uno dei principali obiettivi e orientamenti del Concilio Vaticano II e della Chiesa nel periodo post-conciliare. Nello spirito dei miei predecessori nella Sede di Pietro, esprimo la speranza che sotto questo aspetto così importante, e sotto altri aspetti non meno importanti, la figura e l'insegnamento del grande Cardinale continuino a ispirare una realizzazione sempre più efficace della missione della Chiesa nel mondo moderno, e che aiuti a rinnovare la vita spirituale dei suoi membri e affretti il ripristino dell'unità tra tutti i cristiani.

Spero che questo centenario sia per tutti noi l'occasione per studiare più da vicino il pensiero ispiratore del genio di Newman, che ci parla di profonda onestà intellettuale, fedeltà alla coscienza e alla grazia, pietà e zelo sacerdotale, devozione alla Chiesa di Cristo e amore per la sua dottrina, fiducia incondizionata nella divina provvidenza e assoluta obbedienza alla volontà di Dio.

Desidero anche esprimere il mio interesse personale per il processo di beatificazione di questo "servo buono e fedele" (cfr Mt 25,21) di Cristo e della Chiesa. Seguirò con molta attenzione qualunque progresso si possa fare al riguardo. (Lettera di Papa Giovanni Paolo II in occasione del Centenario del Cardinale di J. H. Newman, 7 aprile 1979)

... Do il benvenuto a tutti voi e vi ringrazio per aver portato, con la vostra celebrazione, l'attenzione al posto speciale del grande cardinale inglese nella storia della Chiesa. Il passaggio di cento anni dalla sua morte non ha per nulla sminuito l'importanza di questa straordinaria figura, molte delle cui idee godono di una particolare rilevanza ai nostri giorni ...

... In tutto il mondo la gente afferma che questo maestro dello spirito, con le sue opere, con il suo esempio, con la sua intercessione, è stato uno strumento della Provvidenza divina nella loro vita.

5. Nel clima culturale contemporaneo, con particolare riferimento all'Europa, c'è un'area del pensiero di Newman che merita un'attenzione speciale. Mi riferisco all'unità che egli sostiene tra teologia e scienza, tra il mondo della fede e il mondo della ragione. Propose che l'apprendimento non dovesse mancare di unità, ma essere radicato in una visione totale. Così ha concluso i suoi Discorsi davanti all'Università di Dublino con queste parole sorprendenti: "Desidero che l'intelletto si distenda con massima libertà e la religione goda di un'eguale libertà, ma quello che ritengo è che dovrebbero essere trovati nello stesso luogo, ed esemplificati nelle stesse persone" (Sermons Preached on Various Occasions, Londra 1904, pagina 13).

Nelle attuali mutevoli circostanze della cultura europea, Newman non indica il contributo cristiano essenziale alla costruzione di una nuova era basata su una verità più profonda e su valori più alti? Ha scritto: "Voglio distruggere quella diversità di centri, che mette tutto in confusione creando una contrarietà di influenze. Desidero che gli stessi punti e gli stessi individui siano al tempo stesso oracoli di filosofia e santuari di devozione ..." (Ibid.). In questo sforzo il cammino che la Chiesa deve seguire è sinteticamente espresso dal Cardinale inglese in questo modo: "La Chiesa non teme nulla, ma purifica tutto: non reprime alcun elemento della nostra natura, ma coltiva il tutto" (The Idea of a University, Westminster, Maryland, 234). (Note sul centenario della morte di Newman, 27 aprile 1990)

Mentre ringraziamo Dio per il dono del Venerabile John Henry Newman nel 200° anniversario della sua nascita, preghiamo affinché questa guida sicura ed eloquente nella nostra perplessità diventi per noi, in tutti i nostri bisogni, un potente intercessore davanti al trono della grazia. Preghiamo affinché venga presto il tempo in cui la Chiesa può proclamare ufficialmente e pubblicamente la santità esemplare del cardinale John Henry Newman, uno dei più distinti e versatili sostenitori della spiritualità inglese. Con la mia benedizione apostolica. (Lettera all'arcivescovo Vincent Nichols, arcivescovo di Birmingham, 22 gennaio 2001)

 

 

 


Fonte: Dave Armstrong in Patheos (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Il contenuto non impegna, nè dipende dalla Parrocchia S. Matteo di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei alla Parrocchia, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche storiche, mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

 

Hanno detto di Lui

Area riservata

Accedi Registrati

Google Translate

itzh-TWenfrdeptrues

Donazioni239x100

Condividi su:

FacebookTwitterDeliciousStumbleuponReddit
Usiamo cookie

Sul nostro sito Web usiamo solo cookie 'tecnici' utili per il suo funzionamento, non usiamo cookie di tracciamento.

Se decidi di non consentirne l'uso, potresti non riuscire a usufruire di tutte le funzionalità del sito.