NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

San Giuseppe Lavoratore, il 1° maggio e tutti i giorni

 

 

San Giuseppe Lavoratore, il 1° maggio e tutti i giorni'San Giuseppe carpentiere' di Georges de La Tour (1593-1652), Museo del Louvre, Parigi

Il 1 maggio è stata la festa di San Giuseppe Lavoratore.

Un lavoratore produce qualcosa. Un lavoratore provvede qualcosa. Un padre provvede alla sua famiglia. Fornisce non solo cibo ma qualcos'altro. Questo, San Giuseppe lo ha fatto all'ennesima potenza. Ma questo ci sta portando un po' troppo avanti ... diamo uno sguardo veloce al Quando e al Perché di questa festa.

Il 1 maggio era la celebrazione del "Primo Maggio" dei comunisti. Per contrastare questa celebrazione laica di ciò che il lavoro significava per loro, nel 1955 il Servo di Dio Papa Pio XII istituì questa festa di San Giuseppe Lavoratore. Aveva anche un altro scopo principale: aumentare la devozione al santo che era il modello degli operai, che provvedeva ai bisogni della moglie Maria e cresceva il figlio adottivo Gesù. E ricordava anche la dignità del lavoro.

Nel 2005, Papa Emerito Benedetto XVI ha osservato: "È necessario vivere una spiritualità che aiuti i credenti a santificarsi attraverso il loro lavoro, imitando San Giuseppe, che ha dovuto provvedere con le proprie mani alle necessità quotidiane della Sacra Famiglia e che, di conseguenza, la Chiesa considera Patrono dei lavoratori".

Quindi San Giovanni Paolo II si concentrò su San Giuseppe in Redemptoris Custos (Custode del Redentore), insegnandoci che: "Se la Famiglia di Nazareth è un esempio e un modello per le famiglie umane, in ordine alla salvezza e alla santità, così, per analogia, l'opera di Gesù è al fianco di Giuseppe il falegname. Ai nostri giorni, la Chiesa ha sottolineato questo istituendo il memoriale liturgico di San Giuseppe Lavoratore il 1° di maggio".

Quindi Giovanni Paolo II aggiunse: "Il lavoro umano, e specialmente il lavoro manuale, riceve una speciale preminenza nel Vangelo ... Al banco di lavoro dove svolse il suo mestiere insieme a Gesù, Giuseppe portò il lavoro umano più vicino al mistero della Redenzione".

Padre Larry Toschi degli Oblati di San Giuseppe, pastore della Chiesa cattolica di Nostra Signora di Guadalupe a Bakersfield in California, è autore di Husband, Father, Worker (Marito, Padre, Lavoratore). Guardando le Litanie di San Giuseppe, ha notato che l'invocazione latina "Filii Dei nutricie è spesso tradotto come Padre adottivo, ma questo non cattura affatto il significato". Ha spiegato che la traduzione migliore e il modo più accurato è "Padre che ha allevato il Figlio di Dio. Significa che Giuseppe è colui che ha nutrito, e provveduto per, Gesù e lo ha alimentato".

Oggi, anche se la società rende il ruolo di chi provvede un argomento delicato, "deve ancora essere introitato il ruolo del marito e del padre come di chi provvede", ha affermato p. Toschi. "È il primo a provvedere". Lo fa in un modo importante come lavoratore.

È bene tenere a mente che il ruolo di chi provvede non deve essere considerato l'unico. “San Giuseppe insegna ad integrare il lavoro con la famiglia, e la paternità con la famiglia", ha affermato padre Toschi. "Egli insegna come lavorare con la giusta enfasi. Il lavoro è centrato sul Signore. La motivazione e lo scopo è servire Gesù".

San Giuseppe non era un maniaco del lavoro, disse. Ha lavorato con pace, moderazione e pazienza. Dovremmo guardare al suo esempio e soprattutto lavorare con la pura intenzione e il distacco dal nostro sé. San Giuseppe non è una persona "Guardami", ma ha lavorato per servire Dio.

Un altro punto, il lavoro dovrebbe essere integrato con il tempo della famiglia, non solo una cosa isolata dalla famiglia, ma focalizzato sul provvedere e servire la famiglia. Il lavoro di San Giuseppe era "un'espressione d'amore per Gesù e Maria" come lo era quando pregava e conversava con loro. E ha aiutato anche suo figlio a far la sua parte per provvedere.

Padre Toschi ha detto che la preghiera di San Pio X a San Giuseppe Lavoratore è una preghiera meravigliosa che "dà tutto il contesto per provvedere" e non è solo per i padri, ma per chiunque. Il lavoro è servire Dio e non essere qualcosa di isolato dalla famiglia, ma focalizzato nel fornire e servire la famiglia.

La preghiera ricorda che un padre provvede sia cibo che protezione al corpo, e lavora anche per proteggere dal danno spirituale. Un modo è fornire un modello di leadership spirituale.

Papa Francesco ha spiegato nella festa di San Giuseppe del marzo 2014: "Giuseppe ha anche impartito in silenzio a Gesù quella saggezza che consiste soprattutto nella riverenza per il Signore, nella preghiera e nella fedeltà alla sua parola e nell'obbedienza alla sua volontà. L'esempio paterno di Giuseppe aiutò Gesù a crescere, a livello umano, nella sua comprensione e apprezzamento della sua relazione unica con il suo Padre celeste".

Un padre, quindi, deve lavorare per fornire un esempio di preghiera per sua moglie, i suoi figli e le sue figlie. E il lavoro li protegge dai danni spirituali così dilaganti oggi.

Che lezione dà San Giuseppe ai padri e che modello fornisce loro come base per guidare le loro famiglie. I padri oggi - e questo vale per le figure paterne, che abbiano figli biologici o meno, perché potrebbero avere figli dei nipoti o nipoti - hanno bisogno di passare il tempo con Gesù e Maria ogni giorno, prendendo a modello San Giuseppe. Messa quotidiana se possibile. Tempo per leggere la Bibbia.

A proposito, se fosse stato intorno allora, sicuramente San Giuseppe avrebbe pregato il Rosario. Dopotutto, non ci è stato infine dato da sua moglie? E lei non ci chiede di pregarlo ogni giorno? E un marito amorevole non vuole piacere alla moglie in tutte le cose buone, specialmente per la loro salvezza eterna?

Non dimenticare che San Giuseppe Lavoratore e che Provvede è sempre al lavoro anche per noi. Dobbiamo ricordarlo e rivolgerci a lui perché è un esperto lavoratore e ci fornisce tutte le cose.

Ascolta Santa Teresa d'Avila che era una devota di San Giuseppe che si era occupato di lei. Ci ha detto: "Sembrerebbe che Dio abbia concesso agli altri santi il ​​potere di aiutarci in un tipo di necessità, ma l'esperienza mostra che San Giuseppe può aiutare in ogni tipo di bisogno".

S. Teresa ci ha ricordato: "Ad altri santi il ​​nostro Signore sembra aver dato il potere di soccorrerci in qualche particolare necessità, ma a questo santo glorioso (lo so per mia esperienza) ha dato il potere di aiutarci in tutte le cose. Nostro Signore vorrebbe farci capire che come era soggetto a Giuseppe sulla terra - San Giuseppe porta il titolo di suo padre, ed essendo il suo tutore poteva comandarlo - così ora il Nostro Signore in cielo concede tutte le sue petizioni".

Santa Teresa ci ha ricordato gli innumerevoli modi in cui san Giuseppe ci aiuta attraverso la devozione a lui.

"Non ho mai conosciuto nessuno che fosse veramente devoto a lui e lo onorasse con particolari servizi, che non avesse avanzato molto in virtù, perché egli aiuta in modo speciale quelle anime che si raccomandano a lui", ha detto.

Il suo grande aiuto è anche più di quanto richiesto o previsto. Spiegò: "Mio padre e mio signore mi hanno liberato e mi hanno reso più servizi di quanti ne sapessi chiedere. Non riesco a ricordare di avergli mai chiesto in qualsiasi momento qualcosa che non abbia concesso; e sono piena di stupore quando considero i grandi favori che Dio mi ha dato attraverso questo santo benedetto; i pericoli da cui mi ha liberato, sia di corpo che di anima".

Santa Teresa era risoluta nell'ispirare gli altri a diventare devoti di San Giuseppe e non esita ad avvicinarsi a questo santo glorioso per il suo aiuto. E se dubitavano di lei? "Ma io chiedo per l'amore di Dio che colui che non mi crede faccia la prova per se stesso - allora scoprirà per esperienza il grande bene che deriva dal raccomandarsi a questo glorioso patriarca e ad essergli devoto", lei consigliò.

Il 1° maggio e ogni altro giorno dell'anno, San Giuseppe è l'esempio perfetto di lavoratore e che provvede. Imitalo. Vai da lui.

 

 

 


Fonte: Joseph Pronechen in National Catholic Register (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Il contenuto non impegna, nè dipende dalla Parrocchia S. Matteo di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei alla Parrocchia, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche storiche, mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

 

News dal Vaticano

Area riservata

Accedi Registrati

Google Translate

itzh-TWenfrdeptrues

Donazioni239x100

Condividi su:

FacebookTwitterDeliciousStumbleuponReddit