NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Papa San Pio X: Profeta della Grande Guerra (parte 2 di 3)

 

 

Seconda parte dell'articolo scritto dal Dr. Peter E. Chojnowski, PhD sul rapporto tra Pio X e il "guerone", la Grande Guerra. Nella presentazione della prima parte si legge:

Che Papa San Pio X avesse avuto presentimenti precisi relativi ai due grandi eventi dell'anno 1914, anni prima che questi eventi si verificassero, è semplicemente straordinario e una manifestazione della sua intimità con il divino e della sua paterna sollecitudine per la vita quotidiana dei fedeli europei. Queste intuizioni rivelano anche il riconoscimento chiaro del Papa del fatto europeo primario del suo tempo: che l'Austria degli Asburgo era la pietra angolare dell'Europa. Per spostare l'edificio, si doveva scavare e rimuovere la pietra. La prima guerra mondiale, la Grande Guerra, era semplicemente lo sradicamento di questa pietra. E' stata una guerra in cui è stato distrutto il cuore politico della cristianità cattolica, a quanto pare per sempre.

 

0821 wB) Bosnia 1914: Il barile di polvere prende fuoco

Alla luce del vuoto di potere che si stava sviluppando in questa regione altamente instabile d'Europa, la Conferenza di Berlino delle potenze europee ha assegnato le ex province balcaniche turche della Bosnia-Erzegovina all'Austria-Ungheria nel 1878. La Bosnia-Erzegovina, con la capitale a Sarajevo, era composta da province difficili da governare, da quando erano state popolate da una miscela etnica e religiosa di serbi ortodossi (alleati in modo molto informale con l'impero dello zar in Oriente), croati cattolici (che si vedevano superiori ai serbi per i loro legami con Vienna e Budapest), e, infine, musulmani, che erano in realtà croati diventati apostati dell'Islam quando la regione era sotto il giogo turco.

E' molto probabile che questo miscuglio eterogeneo avrebbe potuto restare tranquillo se non fosse stato per le azioni sovversive dei bosniaci serbi che hanno voluto unirsi con il regno serbo a est.

Dopo le guerre balcaniche del 1912-1913, la Serbia è raddoppiata in superficie, creando un pareggio quasi irresistibile per i suoi fratelli bosniaci. Qui, ancora una volta, una situazione del genere non doveva svilupparsi come lo ha fatto, se i comandanti militari serbi e gli agenti non stessero addestrando e armando la gioventù serbo-bosniaca in tattiche sovversive e terroristiche da luoghi sicuri oltre il confine nella Serbia vera e propria.

Gli storici che scrivono su questo periodo non contestano il fatto di questa attività da parte dei serbi. Come vedremo in seguito, Papa San Pio X stesso non ha contestato il fatto che i serbi agivano per sovvertire l'Austria-Ungheria, né ha obiezioni a “disciplinare" questa nazione traditrice da parte della monarchia asburgica.

Austria degli Asburgo ha cercato autenticamente di far avanzare il livello di civiltà e di educazione dei bosniaci negli anni prima della guerra. Dopo aver annesso formalmente il territorio nelle terre della monarchia nel 1908, eliminando così ogni speranza turca o serba di riconquistare il territorio (il territorio era stato controllato dai serbi prima delle invasioni turche), gli Austriaci costruirono 4.000 chilometri di ferrovia, 5.000 scuole (per merito delle quali la metà della popolazione era diventata alfabetizzata nel 1914), e strade ed edifici pubblici in tutta la capitale Sarajevo.

La cosa più importante, tuttavia, dal punto di vista della Grande Guerra, è che l'erede al trono imperiale, l’Arciduca Francesco Ferdinando, stava lavorando attivamente per stabilire una tripartizione dei domini asburgici, che avrebbe comportato la nascita di un Regno Slavo Meridionale, governato dal monarca asburgico, che avrebbe incluso i croati e i serbi in una struttura politica unitaria che avrebbe la stessa autonomia del Regno d'Ungheria.

Si pensa che questo piano importante era molto temuto da quei nazionalisti serbi che non avevano potuto tollerare l'idea che i serbi fossero incorporati in uno stato multietnico pacifico.

La situazione è arrivata alla crisi decisiva nel giugno del 1914, quando l'Arciduca Francesco Ferdinando (si noti che questo era prima dei giorni dei guerrafondai da poltrona), come ispettore dell'esercito, doveva assistere alle manovre militari in Bosnia e poi, con la moglie Duchessa di Hohenburg, fare una visita di cortesia a Sarajevo il 28 giugno, il giorno di una grande festa serba che commemora la battaglia per il Kosovo.

article-2714685-1C3B6BB000000578-864_634x622.jpgL'assassionio dell'Arciduca Francesco Ferdinando in una illustrazione dell'epoca.Un sottile cordone militare era l'unica protezione dell’auto dell'arciduca per le strade di Sarajevo. Un nazionalista serbo ha gettato una bomba e quel pomeriggio, quando l'arciduca e la moglie stavano andando a visitare un ufficiale ferito della loro sicurezza particolare, sono stati freddati dal serbo nazionalista Gavrilo Princip. Princip, dopo aver fallito il suo obiettivo la mattina, ha scoperto che, a causa di una svolta sbagliata in una strada laterale non manovrabile, la macchina dell'arciduca stava venendo verso di lui, molto lentamente, e si era fermata. Princip ha sparato più volte prima di essere sopraffatto; l'arciduca e la moglie erano morti.

 

C) Il dilemma austriaco e l’appello del Papa per la pace

La notte del 28 giugno 1914, il Papa è turbato da una crescente apprensione. Ha chiamato il suo Segretario di Stato. Merry del Val si è spaventato alla comparsa del Santo Padre. La paura e la preoccupazione erano impressi nei suoi lineamenti tirati, e la mano che ha esteso tremava. "Il guerrone; la guerra mondiale”, ha sussurrato Pio X. “So che è ormai alle porte”. “Oh, no, Santo Padre. Il cielo politico è senza nubi. Non c'è alcun pericolo; i diplomatici si preparano a viaggiare durante le vacanze”.

A sentire questo, Pio X scosse la testa in segno di disapprovazione, "Non arriveremo a fine 1914 in pace", si lamentò Pio X. "Mi creda, Eminenza". Un colpo secco alla porta ha quindi interrotto la conversazione. Un dispaccio viene consegnato a Pio X. Uno sguardo al foglio e la sua mano tremante lo lascia cadere. Eccitato, Merry del Val prese il foglio e lesse che l'erede austriaco e sua moglie erano stati assassinati.

Ancora non vedendo tutte le implicazioni del caso, il cardinale ha cercato di ridurre l'ansia del Santo Padre, sostenendo che un evento del genere non si sarebbe trasformato in una guerra su scala continentale. "O mio Signore", gemette il Papa. Poi Pio X si è trascinato nella sua cappella ed è caduto in ginocchio davanti al tabernacolo.

Europe1914.gifLa situazione politica dell'Europa allo scoppio della 1a Guerra Mondiale, con la Triplice Intesa da una parte (GB, Francia e Russia) e gli Imperi Centrali dall'altra (Germania, Austria–Ungheria, Turchia e Bulgaria).Quello che il Papa ha visto e che il cardinale non è riuscito a vedere era che la situazione precaria delle alleanze europee ingarbugliate non sarebbe riuscita a tollerare semplicemente un evento così stridente come l'assassinio dell'Arciduca Francesco Ferdinando. Quello che il Papa sembra avesse capito in quel momento è che l'Austria avrebbe "dovuto" fare qualcosa per preservare il suo prestigio nell’assemblea delle nazioni e, comunque, "incapace" di muoversi senza ipotecare la sua sicurezza e la sovranità al suo vicino settentrionale tedesco.

Anche se non è emersa alcuna informazione sulla natura specifica dell'attività diplomatica del Papa dal 28 giugno 1914 al 4 agosto 1914 (il giorno in cui il governo inglese ha emesso l’ultimatum che ha portato alla guerra con la Germania), è chiaro da ciò che sappiamo che l’unico desiderio del Papa era che la guerra non avvenisse per niente. Anche se, ovviamente riconosceva il servizio che l'Austria aveva dato alla Chiesa cattolica contro i protestanti a nord e gli scismatici a est, dal contenuto del colloquio tra l'ambasciatore austriaco e il Papa del 28 luglio è chiaro che lui non ha affatto approvato la decisione dell'Austria di entrare in guerra, per risolvere il problema della Serbia.

In effetti alcuni testimoni hanno detto che il Papa ha scritto una lettera all'imperatore Francesco Giuseppe, implorandolo di evitare una guerra. Ma, il cardinale Merry del Val stesso ha detto che non era a conoscenza di questa lettera; non c’è alcuna traccia di essa negli archivi austriaci o romani.

Nel luglio del 1914, l'iniziativa era della Germania. Dal momento che le 48 divisioni e mezza dell'Austria non potevano ad affrontare adeguatamente le 11 della Serbia, soprattutto se queste 11 erano supportate dalle 114 divisioni e mezza di fanteria della Russia e dell’alleato francese, la Germania ha dovuto essere pronta a sostenere gli Asburgo, se il corso della guerra con la Serbia si fosse deciso.

L'atteggiamento tedesco verso la guerra, le diverse opinioni all'interno della leadership tedesca in sé, e la sequenza di eventi che ha precipitato l'invasione tedesca del Lussemburgo e del Belgio non sono fatti storici che possono essere capiti facilmente. L'unico fatto tedesco che, forse, è stato il più frainteso è quello della persona dell’imperatore tedesco Guglielmo II. Sembrava che non ci fosse alcuna ostilità palese di San Pio X verso Guglielmo II. E' noto che Wilhelm, dalla Casa di Hohenzollern (il cui ramo principale è di religione cattolica), non era apertamente ostile alla Chiesa cattolica. Egli è stato colui che ha fatto dimettere Otto von Bismark, il "cancelliere di ferro" del movimento anti-cattolico Kulturkampf, ha molto apprezzato i viaggi per visitare il Papa in Vaticano, ed è stato determinante nel ammettere di nuovo i Gesuiti in Germania dopo il regno di Bismark.

La Casa di Hohenzollern, ovviamente, ha permesso ai gesuiti di esistere in Prussia, anche dopo che sono stati sciolti nel resto d'Europa, a causa della gratitudine degli Hohenzollern per un intervento cruciale dei gesuiti all'inizio del 18° secolo, che ha permesso ai duchi di Prussia di ricevere una corona reale dal Sacro Romano Impero. Per quanto riguarda la responsabilità di Wilhelm nello scoppio della guerra mondiale, i due storici tedeschi G.P. Gooch e Arthur Rosenberg hanno studiato questa questione dopo la guerra. Essi sono stati incaricati di fare questa indagine dal governo socialista repubblicano della Germania e, tuttavia, questi storici sono arrivati a una conclusione negativa. Non ci sono prove che Pio X abbia pensato che il Kaiser fosse il primo responsabile.

Se l'iniziativa era dei tedeschi, quale che era il loro pensiero strategico, nell'estate del 1914? A questo proposito, è chiaro che i tedeschi erano preoccupati principalmente dell'enorme progresso militare della Russia sia nei numeri del suo esercito permanente, sia nello sviluppo di una flotta navale del Baltico, che nella costruzione di ferrovie in tutta la Polonia fino alla frontiera tedesca. L'ambasciatore tedesco negli Stati Uniti Kanitz, il 30 luglio 1914, ha indicato che il governo tedesco non poteva aspettare che la Russia completasse il suo programma di organizzare un esercito permanente di 2,4 milioni di uomini. Con la ferrovia finanziata dai francesi che sarebbe presto stata in grado di spostare questi numeri enormi a meno di 100 miglia da Berlino, la capitale imperiale, il pensiero dello Stato Maggiore tedesco era che, se una guerra dovesse avvenire, era preferibile che fosse prima piuttosto che dopo.

Sulla base delle informazioni disponibili dello spionaggio militare, il ministro tedesco Riezler ha dichiarato: "Dopo il completamento delle ferrovie strategiche della Russia in Polonia la nostra posizione sarà insostenibile ... L'Intesa sa che siamo completamente paralizzati". Quello che sembra confermare questa mentalità pre-guerra dei tedeschi sono le dichiarazioni di due delle più importanti figure politiche e diplomatiche nel mondo anglo-americano, Sir Edward Grey, ministro degli esteri britannico liberale, e Colonel House, consigliere capo al Presidente degli Stati Uniti Woodrow Wilson.

Secondo Grey, nel luglio 1914, "La verità è che, mentre in precedenza il governo tedesco aveva intenzioni aggressive ... ora è veramente preoccupato per i preparativi militari in Russia, il potenziale aumento delle sue forze militari e in particolare della costruzione prevista, con l'insistenza del governo francese e con i soldi francesi, delle ferrovie strategiche per convergere sulla frontiera tedesca ... La Germania non aveva paura, perché credeva che il suo esercito fosse invulnerabile, ma temeva che in pochi anni avrebbe avuto paura ... La Germania aveva paura del futuro". Colonel House conferma questa valutazione in una lettera scritta a Wilson prima dell'assassinio dell'arciduca Francesco Ferdinando: "Ogni volta che l’Inghilterra lo permette, Francia e Russia si avvicinano a Germania e Austria".

 

 


Nel prossimo articolo vedremo i punti successivi:

D) Il tormento estivo del Papa e dell'Europa cristiana

E) Agosto di Passione

 

 

 


Fonte: Dr. Peter E. Chojnowski, PhD in DrChojnowsky (>English text) – Tradotto da Franco Pellizzari

 

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Il contenuto non dipende da, nè impegna, la Parrocchia S. Matteo di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o annunci pubblicitari sono completamente estranei alla Parrocchia, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche storiche, mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

 

Hanno detto di Lui

Area riservata

Accedi Registrati

Google Translate

itzh-TWenfrdeptrues

Donazioni239x100

Condividi su:

FacebookTwitterDeliciousStumbleuponReddit