NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Il Papa dei Catechisti (parte 4)

 

La lecon de cathéchismeLa leçon de cathéchisme, dipinto di Jules-Alexis Muenier, 1890 (clicca per ingrandire)San Pio X è giustamente noto per molte cose: la lotta al modernismo, l'abbassamento dell'età della Prima Comunione, e la formulazione del Codice di Diritto Canonico tra le altre. Quello che oggi è forse meno noto è il suo intenso lavoro catechetico. Questo articolo, scritto nel 1953 da don Silvio Riva, fornisce qualche informazione in questo aspetto della sua vita e pontificato. (Questa è la quarta parte; leggi la prima, la seconda e la terza)

 

 

Il Papa dei Catechisti

La collaborazione dei laici nel ministero catechistico di sacerdoti non è recente. San Carlo Borromeo organizza il suo edificio catechestico - le Scuole della Dottrina Cristiana - con numeroso personale laico: “pescatori”, correttori, insegnanti di sostegno, priori e vice-priori, ecc., direttamente subordinato all'autorità gerarchica (il vescovo e il parroco). Affidando alla laicità una forma di collaborazione, il santo non è andato oltre l'aspetto disciplinare, la ricerca di nuovi alunni per le “scuole” e, al massimo, ha consentito a laici esperti di andare oltre le solite nozioni del catechismo, di cui solo il sacerdote è il padrone nel senso pieno della parola, perché egli solo può spiegare, commentare e illustrare, anche se in breve, la dottrina cristiana, come previsto dalle norme di San Carlo Borromeo.


Papa Pio X era intuitivo e coraggioso: ha capito che il numero dei preti era insufficiente per la mole di lavoro, e che l'organizzazione che ha voluto e prescritto nella sua enciclica sul Catechismo - un'organizzazione puramente accademica con classi, professori, corsi, programmi di studio, libri di testo - richiedeva un corpo ben preparato di insegnanti, formati appositamente per collaborare con i pastori delle anime.


Nell'Enciclica Acerbo Nimis del 1905, per la prima volta nella Chiesa e dalla bocca del Sommo Pontefice, dalla Sede di Pietro, è stato fatto un appello al laicato cattolico per chiamare collaboratori laici al ministero catechetico:

«In ogni parrocchia deve essere canonicamente eretta la società conosciuta come Confraternita della Dottrina Cristiana. Attraverso questa Confraternita, i pastori, soprattutto nei luoghi in cui c'è scarsità di sacerdoti, avranno aiutanti laici nell'insegnamento del Catechismo, che si assumeranno il lavoro di impartire conoscenza sia per uno zelo della gloria di Dio che per ottenere le numerose indulgenze concesse dalla Sommi Pontefici».


Nella lettera al cardinale Respighi per promulgare il “suo” catechismo, Pio X ha scritto:

«Preghiamo Dio che, proprio come oggi il numero e la potenza in crescita dei nemici della Fede propagano l'errore con ogni mezzo, così potrà sorgere anche un gran numero di anime desiderose di assistere con zelo i pastori, gli insegnanti e i genitori cristiani nell'insegnamento del catechismo, un lavoro nobile e fecondo quanto necessario».


Pio X chiama i laici a insegnare la dottrina cristiana. Ha avuto il coraggio di credere nei laici e nel loro potenziale come collaboratori subordinati alla gerarchia. E' stato il Pontefice che ha aperto un magnifico orizzonte e un fecondo apostolato per i laici, procurando allo stesso tempo buoni collaboratori ai sacerdoti responsabili delle anime. Ma Pio X ci ricorda i due fondamenti della loro preparazione e formazione: la pietà religiosa e la cultura catechistica, aggiungendo a queste la raccomandazione di capire l'animo del bambino.


Egli è l'unico a segnare ufficialmente l'esordio e lo sviluppo di una nuova milizia nella Chiesa: i catechisti laici. Per loro, egli darà una forma e una nuova anima a un'istituzione catechetica logora, che, dai tempi di San Carlo Borromeo, ha sperimentato anni di fervore e di attività vigorosa influente: la Congregazione per la Dottrina Cristiana, che doveva diventare in qualche modo l'Ufficio Catechistico Parrocchiale in cui i catechisti laici e le altre persone dedicate alla causa del catechismo avrebbero avuto il loro posto, funzioni specifiche e attività.


Pio X, per davvero, dovrebbe essere ricordato come il Papa dei Catechisti perché aveva fiducia nei laici, nella missione di insegnamento che scorre dalla loro collaborazione nell'apostolato gerarchico. A Venezia, quando era patriarca, ha contribuito alla formazione di molti catechisti. Nelle sue lettere al clero, ha ribadito con insistenza la necessità di formare i catechisti laici. Nella terza appendice del suo catechismo, ha incluso saggi “consigli per i genitori e gli educatori Cristiani” che ancora oggi sono una bella sintesi della formazione catechistica degna di studio, meditazione, e applicazione da parte di tutti gli insegnanti della Dottrina Cristiana, sacerdoti e laici, genitori e catechisti.


Considero un dovere di coscienza offrire queste regole qui, limitandomi a seguirle con alcune osservazioni per consentire di collocare le istruzioni pontificie nel contesto dell'ambiente catechetico e scolastico di oggi.


«Insegnare il catechismo è istruire alla fede e alla morale di Gesù Cristo; è dare ai figli di Dio la coscienza della loro origine, la loro dignità e il loro destino, e anche i loro doveri; è mettere e sviluppare nelle loro menti i principi e le ragioni della religione, della virtù e della santità sulla terra, e quindi della felicità in cielo»
.

Queste sono solo poche righe, ma contengono un trattato razionale delle motivazioni dell'apostolato catechistico, che spiega in primo luogo la nozione di istruzione religiosa e si collega al suo fine ultimo, che è quello di impartire una coscienza cristiana agli uomini per mezzo dell'istruzione e ricordare loro del loro destino qui, in termini di dopo. Da queste nozioni fondamentali, i formatori dei catechisti sono in grado di sviluppare un ciclo di considerazioni religiose fondate sulla solida dottrina atta a trasmettere il vero significato della collaborazione apostolica nella catechesi.


«L'insegnamento del catechismo è quindi la cosa più utile e necessaria per gli individui, per la Chiesa e per la società civile; è l'istruzione fondamentale alla base della vita cristiana, e se manca o è stata male impartita, la vita cristiana è debole, vacillante, e anche prona a finire»
.

Pio X aveva una visione globale della catechesi, non solo nel campo dell'evangelizzazione, ma anche nelle sue funzioni sociali e civiche, umane e individuali, comunitarie e culturali. Nella sua concezione apostolica, il Catechismo è qualcosa di essenziale e di grande. Egli non esita a subordinare ad esso l'ordine sociale e Cristiano, che fiorisce dove è elevata la conoscenza delle verità rivelate e gode del prestigio necessario. Questo è un avvertimento e un promemoria per educatori, sacerdoti e laici di oggi, che, oberati dalle loro preoccupazioni di spingere nuove opere, sottovalutano la funzione della catechesi, la rinviano o addirittura la sopprimono per lasciare spazio ad altre iniziative di natura contingente e limitata. La carità corporale è certamente un lavoro di primaria importanza nella strategia della Chiesa per l'evangelizzazione, ma se non è immediatamente e accompagnata allo stesso tempo dalla carità intellettuale della verità, diventa sterile. L'apostolato sociale deve avere il Catechismo come suo fondamento e codice se vuole essere in grado di rivendicare il nome e lo spirito di Cristiano.


«Proprio come i genitori cristiani sono i primi e principali educatori dei loro figli, così pure essi dovrebbero essere i primi e principali catechisti: i primi, perché dovrebbero infondere la dottrina ricevuta dalla Chiesa nei loro figli nella prima infanzia; i principali, perché è loro il dovere di far imparare a memoria ai bambini a casa i rudimenti della fede, a cominciare dalle prime preghiere, e di farle ripetere a loro ogni giorno in modo che a poco a poco permeino le anime dei loro figli. Se accadesse, come spesso accade, che essi hanno l'obbligo di essere assistiti da altri in questa educazione, dovrebbero ricordare il loro sacro dovere di scegliere le istituzioni e le persone che possono e che vogliono coscienziosamente soddisfare per loro un dovere così grave. L'indifferenza in questa materia ha causato la perdita irreparabile di molti bambini. Che responsabilità di fronte a Dio!
»

Nella gerarchia dei catechisti laici, i genitori, gli insegnanti dei propri figli per natura e grazia, hanno il primo posto. La natura ha dato loro doni specifici per penetrare le menti dei loro figli e raggiungere i loro cuoricini e toccare la loro debole volontà.

Se si pensa, ad esempio, della ricchezza di sentirsi racchiuso all'interno di un cuore di madre; della facilità e la flessibilità del linguaggio di una madre, capace di essere facilmente compreso anche dai più piccoli, come se fosse la continuazione della identificazione del bambino con la madre, si può avere una giusta idea dell'efficacia di questa catechesi iniziale. Si tratta di una catechesi insostituibile perché altre persone, anche se consacrate alla formazione dei bambini, non hanno l'efficacia di una madre. Natura e grazia rendono insegnanti i genitori: il sacramento del matrimonio dà loro il diritto a grazie speciali per compiere la missione educativa di cui Dio li ha investiti. Pio X scende poi nei dettagli di questo dolce magistero materno, e le sue regole devono essere ripetute continuamente ai genitori contemporanei. Questo è un aspetto importante del ministero dei pastori di anime nel formare la nuova coppia e i giovani genitori che sentono la responsabilità della loro famiglia e della tutela delle nuove vite affidate alle loro cure.


«Per insegnare con frutto, è necessario conoscere la dottrina Cristiana; è necessario esporre e spiegare in modo adeguato alla capacità degli allievi, e, poiché riguarda la dottrina pratica, è particolarmente necessario viverla. La dottrina deve essere conosciuta bene, perché come si può insegnare senza essere istruiti? Da qui il dovere di genitori ed educatori di ripassare il Catechismo e di sentire in pieno le sue verità con l'ausilio di spiegazioni più ampie da parte di sacerdoti destinati agli adulti, chiedendo a persone competenti, e leggendo, se possono, libri adatti»
.

E' un atto di onestà e di giustizia per chi insegna catechismo, anche nelle umili scuole rurali, possedere la conoscenza che si insegna. Dovrebbe perfino essere conosciuta il doppio: una per sé e una per gli altri, perché una cosa è sapere, e un'altra è insegnare. L'insegnamento richiede cultura, in particolare nel campo della dottrina cristiana, per la quale l'incertezza della conoscenza porterebbe discredito e disprezzo alla conoscenza più alta, dal momento che viene da Dio, è stata rivelata da Gesù Cristo, ed è stata salvaguardata e trasmessa dalla Chiesa Cattolica. La cultura Catechistica non è qualcosa di statico che permette di smettere di imparare, ma è dinamica e di conseguenza richiede di essere rivitalizzata, aumentata, e approfondita attraverso lezioni, libri e riviste.


«La dottrina Cristiana dovrebbe essere insegnata in modo adeguato agli alunni, vale a dire con intelligenza e amore, in modo che i bambini non siano più disgustati e annoiati dal docente e dalla dottrina. Questo è il motivo per cui è giusto metterla alla loro portata, usare termini semplici e comuni, risvegliare le loro menti con paragoni ed esempi appropriati, e toccare i sentimenti del loro cuore; esercitare la massima discrezione e misura in modo da non affaticarli; progredire gradualmente, senza stancarsi di ripetere, e, con pazienza e dolcezza, essere indulgenti per l'agitazione, le distrazioni, le impertinenze, e gli altri difetti di questa età. Si dovrebbe soprattutto evitare l'apprendimento meccanico, che vincola e non fa sviluppare la mente, mettendo in gioco solo la memoria, senza appello alla mente o al cuore»
.

Questo affronta, in sintesi, il problema didattico e il problema pedagogico espressi in modo così semplice che anche i catechisti più umili possono capire. Su questo problema nomi illustri e massime autorità nel campo della formazione hanno scritto libri e trattati, e continueranno a farlo. San Pio X esprime l'essenza del problema immenso, e con la grazia e la semplicità lo espone ai catechisti cattolici in modo che possano capire e risolvere per mezzo delle regole brevi, ma molto sagge, che suggerisce.

La didattica del catechismo, a parte le definizioni scientifiche che sono state date e che potrebbero essere date, si riassume in questo: farsi capire dai bambini quando si parla con loro e capire i bambini quando parlano con noi. Oggi, dopo aver discusso a lungo la pedagogia, è necessario rendere alla didattica (che non è qualcosa di separato o distinto dalla pedagogia, ma è piuttosto un suo elemento costitutivo e ad essa collegato) il suo ruolo nel catechismo, ma senza scivolare nel “didattismo“, che diminuisce la dignità della scuola, privandola della sua anima per ridurla ad una serie di formule e tecniche.

Il successo delle scuole di catechesi oggi è in parte dovuto ad una didattica sana, serena e attiva, legata al valore del linguaggio dei bambini come strumento di comunicazione per la scienza. Le regole della pedagogia delineate da questi consigli richiamano alla mente San Giovanni Bosco e il suo spirito ardente ma delicato.


«Infine, vivere la fede e la morale che si insegna, altrimenti come può uno avere il coraggio di insegnare ai bambini la religione che non pratica, i comandamenti e i precetti che trascura sotto i loro occhi? In tal caso, in quale frutto si può sperare? Al contrario, i genitori screditano se stessi e abitueranno i figli all'indifferenza verso il disprezzo dei principi più necessari e dei doveri più sacri della vita»
.

Per insegnare bene, è richiesto più che la conoscenza; richiede coerenza tra la conoscenza e la vita, tra la scuola e la condotta personale del docente. La prima lezione del catechismo è che non è 'detto', ma vissuto. Il primo libro di testo non è tra le mani dei bambini, ma è la persona del catechista che, con la sua presenza, portamento, vita e opere, insegna ancora prima di parlare. Non si dovrebbe nemmeno dire che l'insegnamento catechetico dato a bambini e adulti non si limita a impartire le conoscenze teoriche di nozioni religiose, ma è completo solo quando aiuta i catecumeni a credere nelle verità che hanno imparato e a viverle nella loro vita quotidiana. Il catechismo non è solo cultura, ma conoscenza della vita, codice morale, itinerario di fede, e guida di grazie.


«E poiché oggi c'è un clima generalizzato di incredulità fatale per la vita spirituale e che milita contro ogni idea di un'autorità superiore, di Dio, della rivelazione, di vita futura e di mortificazione, i genitori e gli educatori devono inculcare le verità fondamentali delle prime nozioni del catechismo con la massima cura. Essi devono ispirare i bambini con il concetto cristiano della vita, il senso della responsabilità per tutte le loro azioni prima del Giudice supremo, che è ovunque, che sa tutto e vede tutto, e devono infondere in loro il santo timore di Dio, l'amore di Cristo e della Chiesa, un gusto per la carità e per la pietà piena, e la stima per le virtù e le pratiche Cristiane. Solo allora l'educazione dei bambini sarà fondata non sulla sabbia di idee mutevoli e del rispetto umano, ma sulla roccia di convinzioni soprannaturali che non sarà scossa per tutta la vita, nonostante le tempeste»
.

Il Catechismo è una sintesi della dottrina Cristiana; tuttavia, Pio X si preoccupa di specificare quali 'capitoli' devono essere considerati essenziali per la formazione del Cristiano dei nostri giorni, e lui definisce un breve itinerario dottrinale:

  1. la nozione Cristiana della vita;
  2. il senso di responsabilità per ognuno dei nostri atti davanti a Dio onnipotente, che sa tutto e vede tutto;
  3. il timore di Dio;
  4. l'amore di Cristo e della Chiesa;
  5. un gusto per la carità, la pietà, e la stima per le virtù e le pratiche Cristiane.

A quasi un secolo dall'articolazione di queste regole, siamo in grado di valutare la loro importanza e il carattere essenziale; generazioni di cristiani sono state formate dal Catechismo di San Pio X. Queste sono le generazioni che hanno dato l'impulso alla opere dell'Azione Cattolica e degli istituti religiosi secolari che miracolosamente sono fioriti nella Chiesa, e che hanno fornito e continuano a fornire gli uomini e le idee agli apostolati sociali e caritativi del nostro tempo. San Pio X ha pensato e visto con gli occhi dei santi, che sono gli occhi di Cristo.


«Per tutto questo bisogna avere una fede viva, una stima profonda del valore delle anime e dei beni spirituali, e l'amore saggio che si sforza di assicurare soprattutto la felicità eterna delle anime di coloro che abbiamo più cari. Si deve anche avere una grazia speciale per capire il carattere dei bambini e trovare il percorso verso le loro menti e i loro cuori. I genitori Cristiani, in virtù del sacramento del matrimonio ben ricevuto, hanno diritto alle grazie del loro stato e quindi a quelle necessarie per l'educazione cristiana dei figli. Inoltre, essi possono con umile preghiera ottenere grazie ancora più abbondanti per questo stesso scopo, perché è un lavoro particolarmente gradito a Dio che allevino figli adoratori, obbedienti e pii. Lo facciano, allora, qualunque sia il sacrificio: è questione di salvezza eterna delle anime dei loro figli e delle proprie. Dio benedirà la loro fede e il loro amore in questo lavoro di capitale importanza, e li ricompenserà con il dono desiderabile per eccellenza, di bambini santi eternamente felici con loro in cielo»
.

Queste regole sono rivolte in primo luogo ai genitori Cristiani, ma non escludono la categoria degli insegnanti e dei catechisti parrocchiali che concepiscono la loro scuola come una comunità e una famiglia spirituale. A questi Pio X ricorda la loro responsabilità educativa, ma ricorda loro anche le grazie e l'assistenza divina, concludendo con il pensiero del cielo, che è il trofeo della scuola e la ricompensa più alta e più desiderabile.

 

 

 


Fonte: Don Silvio Riva, 1953 su Le Courrier de Rome

Pubblicato in Angelus (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Il contenuto non impegna, nè dipende dalla Parrocchia S. Matteo di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei alla Parrocchia, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche storiche, mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

 

Hanno detto di Lui

Area riservata

Accedi Registrati

Google Translate

itzh-TWenfrdeptrues

Donazioni239x100

Condividi su:

FacebookTwitterDeliciousStumbleuponReddit