NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Come combattere una eresia

Come combattere una eresiaMi è stato chiesto di dare una testimonianza personale in onore di Pio X, il grande Papa della Pascendi, canonizzato da Sua Santità Pio XII, un'altra vittima di calunnie. Lo faccio con piacere, perché la sua immagine è rimasta incisa nella mia memoria fin dalla gioventù.


Come figlio di un professore universitario e cresciuto in un ambiente lontano da quello che potrebbe essere chiamato integralismo, ho avuto tuttavia l'occasione durante l'anno di filosofia degli studi secondari (fatti in un liceo classico con un professore che non faceva altro che sarcasmo per lo Scolasticismo) di scoprire il Tomismo grazie ad alcuni sacerdoti tradizionali ammirevoli, uomini di dottrina e carattere, la cui memoria rende ancora più doloroso lo spettacolo che ci viene quotidianamente inflitto dagli eunuchi del neomoderismo. È a loro, così come a San Pio X stesso, che siamo consapevoli di rendere una piccola parte di ciò che è loro dovuto.


Due idee spiccano mentre esaminiamo S. Pio X alle prese con il modernismo: in primo luogo, che era evidentemente l'uomo di Dio, quello chiamato dalla Provvidenza al ruolo principale di stendere la nuova idra; poi, quando tutto è stato detto e fatto, è stato compreso dai non cattolici più onesti e intelligenti (poiché per il resto, non può essere aiutato!).


Oggi è ben noto che, nonostante la magnifica esposizione di dottrina profonda di Leone XIII, la fine del suo pontificato è stata segnata dall'insorgenza di false idee nella Chiesa in Germania, Francia, Inghilterra e Italia. Basta leggere le memorie di Loisy (rif.1) per vedere quanto filosofia, teologia, storia, esegesi, disciplina ecclesiastica e pensiero politico-sociale siano stati permeati dagli errori in voga. Ma, grazie a ciò che Loisy chiama eufemisticamente "il potente potere dell'opinione e della verità", designando così gruppi di pressione influenti (San Pio X parlerà più tardi di un 'clandestinum foedus') con ramificazioni ovunque, nei seminari, nelle università cattoliche, nell'episcopato, e anche in certe circoscrizioni all'interno della Curia, era quasi impossibile ottenere misure efficaci dal Magistero romano. E, ci racconta un panegirista recente di Loisy, tutto questo nonostante gli sforzi di alcuni bravi uomini come il Cardinale Richard, Arcivescovo di Parigi, "poco seguito dall'episcopato francese".


Nel 1903, Giuseppe Sarto diventa Papa sotto il nome di Pio X. In Dicembre, Loisy viene posto all'Indice. Nel complesso, nessuna delle intenzioni di Roma è fuoriuscita. Il male modernista aveva già fatto presa, ma il pubblico non vedeva nulla, secondo la sua abitudine, specialmente perché alcuni pastori cattivi avevano ripetutamente assicurato che l'intera idea di una crisi dottrinale emanava solo dai poveri cervelli di alcuni fanatici inquisitoriali ... È per questo che la denuncia del modernismo da parte del Santo Papa ha stupito molte persone e ha lasciato molti increduli.


Il 15 Aprile 1907, in una Allocuzione concistoriale ampiamente discussa, il Papa ha dichiarato che non erano più i Cesari anti-Cristiani da temere, ma piuttosto quelli che, all'interno della Chiesa, professavano il soggettivismo e l'evoluzione radicale del dogma; "un ritorno al vangelo puro", pulendo la lavagna dall'insegnamento dei concili e dalla teologia tradizionale; che parlano incessantemente di "adattarsi alla nostra era" nel parlare, scrivere e "predicare una carità senza fede" (rif. 2); che riducono la Bibbia al livello delle opere profane, adottando solo metodi di esegesi scientifici e razionali. Non può non essere notato che qui abbiamo l'ampio profilo della Pascendi.


Non disquisirò sul Decreto Lamentabili e sull'Enciclica Pascendi, supponendo che siano ben noti al lettore. Se questo non è il caso, ti esorto a studiarli a fondo perché sono ancora rilevanti (rif. 3). Ricordo semplicemente che l'ultima parte dell'enciclica traccia un piano dettagliato di una contro-offensiva anti-modernista e di una implacabile battaglia contro questa "sintesi di tutte le eresie". Un motu proprio del 18 Novembre 1907 stabilisce che "se qualcuno dovesse essere così audace per difendere una qualsiasi delle proposizioni, delle opinioni e delle dottrine presenti in uno o l'altro di questi documenti, egli avrà ipso facto la pena della scomunica".


Questi testi, abbinati a misure disciplinari energiche contro i refrattari, hanno sconvolto i modernisti, per loro stessa ammissione. Solo Dio sa, però, se avessero pensato di avere la vittoria alla loro portata. "L'anno 1907", scrive l'ultra-razionalista François Picavet, "è stato decisivo nella storia del modernismo. Mai i suoi partigiani avevano più fiducia nel loro successo ultimo". Ma Dio aveva deciso diversamente, e sono stati frenati, e il movimento ha impiegato quasi cinquant'anni per recuperare. Il che dimostra che non era invulnerabile, una lezione da imparare. Come scrisse allora mons. Baudrillart: "I ribelli che stavano cercando ardentemente la verità si sottometteranno senza indugio e senza riserve. Gli altri non hanno altro da fare che lasciare la Chiesa; è doloroso, ma era giunto il momento di fermare l'equivoco e che nessuno possa più pretendere di essere cattolico sostenendo tesi protestanti e razionaliste" (La Croix, 23 Luglio 1907).


Pio X stesso, nella suddetta Allocuzione concistoriale del Dicembre 1907, pronunciò queste parole pesantissime: "Certo, potremmo recriminare se questi uomini [sacerdoti modernisti] lasciando il seno della Chiesa passassero ai suoi nemici dichiarati. Ma dobbiamo lamentare ancora di più: la loro cecità è tale da pensare di essere ancora figli della Chiesa e vantarsi di ciò, anche se hanno negato nei fatti, se non forse in parole, la professione di fede giurata al loro battesimo".


Indubbiamente ci sono state non solo recriminazioni, ma anche grida di protesta e insulti di base contro il Santo Pontefice. Tuttavia, va sottolineato che molti non credenti hanno apprezzato in modo ottimale i punti in questione e la giustizia dell'atteggiamento di Roma dal semplice punto di vista della coerenza logica e della rigidità morale, anche astratta dalla fede nel soprannaturale.


Loisy stesso, così ostile a Lamentabili e Pascendi, dovette in particolare scrivere: "Non si deve dimenticare che Pio X ha semplicemente tracciato le conclusioni che derivano logicamente dall'insegnamento ufficiale della Chiesa e che, se questi principi sono veri, coloro che li ammettono non possono nemmeno criticare l'opportunità dell'atto pontificio ... L'Enciclica è stata comandata dalle circostanze, e Leone XIII non aveva fatto notevolmente altrettanto ... Il Pontefice ha detto la verità quando ha dichiarato che non poteva tacere senza tradire il disposto della dottrina tradizionale. Avendo le cose raggiunto il loro punto attuale, il suo silenzio sarebbe stato un'enorme concessione, il riconoscimento del principio fondamentale del modernismo" (rif. 4).


Lo storico razionalista Guignebert, così astioso verso il Magistero, è stato costretto a scrivere: "L'Enciclica Pascendi costituisce ... una vera e propria confutazione del modernismo cattolico ... ci dispiace dire così, eppure bisogna, perché è la verità: dal punto di vista Cattolico, il Lamentabili e l'Enciclica hanno ragione ... La Chiesa Romana non può seguire [i modernisti] senza commettere suicidio" (rif. 5). E queste sono le opinioni dei nemici decisi dell'ortodossia cattolica. Tra gli altri, la valutazione è sfumata dalla genuina simpatia, come vedremo.


Fu così che il famoso filosofo neo-hegeliano Benedetto Croce, nel Giornale d'Italia del 15 Ottobre 1907, scrisse alcune cose molto edificanti, in particolare perché venivano da lui: vale a dire che le pretese moderniste di tradurre il dogma cattolico indifferentemente in altri lessicismi metafisici era il primo e più serio sofismo dei modernisti (rif. 6), perché aggiunge, il pensiero metafisico non è un linguaggio ... è logica, è concetto. "Da dove deriva che il dogma trasposto in un'altra forma metafisica non è più lo stesso dogma, proprio come un concetto trasformato in un altro non è più lo stesso" (rif. 7). Naturalmente i modernisti sono liberi, continua ironicamente, di rivestire i dogmi cristiani a loro piacimento, e poi ha aggiunto: "Anch'io faccio uso di questa libertà!", ma a condizione che si rendano conto che sono poi fuori della Chiesa o addirittura fuori di qualsiasi convinzione religiosa ferma, degna del nome. Per finire, ha rimproverato i modernisti di essere imbevuti di un "vago sentimento religioso" completamente incompatibile con tutte le religioni positive ...


La stessa reazione è incontrata dal dinamico Georges Sorel, un "mix" (nel senso aristotelico) di Bergson e del marxismo, il teorico del sindacalismo rivoluzionario e del mito dello sciopero generale. Il suo storico, F. Rossignol, spiega come Sorel ammirava Pio X e riassume il suo pensiero in questo modo: "Il cattolicesimo ha condannato legittimamente il modernismo che, con il pretesto di armonizzare la religione con la scienza e con lo spirito moderno, pretendeva di imporre le sue teorie che, proprio nel momento di essere accettate, sarebbero già scomparse e, di conseguenza, non avrebbe fatto altro che introdurre dentro di sé, senza il minimo beneficio, l'instabilità più completa e più pericolosa".


Non credenti come François Picavet, specialista della Storia del Scolasticismo, del filosofo americano George Santayana e molti altri, non hanno reagito in maniera diversa e potrei compilare un volume notevole di testimonianze. Un professore universitario di filosofia ha scritto al quel tempo: "Se tornerò presto completamente al centro ineffabile del mondo spirituale, sarà per l'Enciclica sul modernismo ... La più perfetta e la più evidentemente divina delle certezze è ora sia nella mia mente che nel mio cuore".


La cosa che la gente non riesce a riconoscere costantemente è che ci sono due tipi molto diversi di non Cattolici. Se alcuni gradiscono il vago, il relativo, l'ambiguo, il cambiamento, altri sono sensibili soprattutto al rigore dottrinale, ai confini precisi, alla fedeltà e ad una certa intransigenza. Da parte mia ne conosco parecchi. Questi sono quelli scoraggiati e scandalizzati dalle deviazioni dottrinali e dai complessi di capitolazione. Nel loro allarmato ritiro, si trovano in compagnia di cattolici autentici, ma se anche loro sono profondamente scandalizzati dal successo del neomoderismo, non sanno più cosa pensare ("Come posso appartenere a una religione quando i suoi rappresentanti non possono neppure più dire quello che dovremmo credere?", mi ha detto uno studente di filosofia. Offro la sua osservazione ai maestri di vittoria del mondo moderno, ma penso che avranno dei conti pesanti da giustificare "in die judicii" ...).


Pertanto, incolpare sempre l'autorità romana quando condanna un errore è un comportamento deplorevole, che deriva dal pregiudizio romantico e giovanile secondo cui i responsabili sono in errore per principio. Si tratta di un inganno mendace affermare: a meno che le strutture tradizionali del cattolicesimo non siano smantellate, le persone saranno tenute lontane dalla fede.


San Pio X possa essere il nostro protettore e il nostro intercessore in un momento in cui il nuovo arianismo sembra vincere! ...

 

 

Note:

  1. [Il reverendo Alfred] Loisy (1857-1940), che Houtin conosceva benissimo, "non credeva più nel soprannaturale, né in Dio né in una vita futura" nel 1887! Ciò non impediva al capo di un seminario diocesano di affermare che "il suo unico errore è di essere arrivato in anticipo di cinquant'anni".
  2. L'attenzione dei lettori odierni è diretta enfaticamente a questa notevole formulazione: la carità teologica presuppone la fede. Non deve essere confusa con la filantropia umanitaria, uno sfogo sentimentale su una particolare astrazione. Più tardi, il grande Papa, parlando delle persone coinvolte nel Sillon, lo definirà "la bontà cieca del loro cuore"; questa bontà, naturalmente, è interamente al servizio dei nemici della Chiesa, con nessuna traccia da condividere per i cattolici tradizionali ...
  3. Vedi anche l'articolo “Face au modernisme” pubblicato sul numero di Settembre-Ottobre di quest'anno in onore di Padre Garrigou-Lagrange.
  4. Simple Reflexions [1908], p. 288. [Passaggio tradotto dal francese di Jugnet.]
  5. “Modernisme et tradition catholique en France”, Coll. de La Grande Revue (1908), pp. 163, 179, 183.
  6. Il primo e sommo sofisma dei Modernisti.
  7. Che splendida giustificazione, non solo per la Pascendi, ma anche, in anticipo, per l'Enciclica Humani Generis di Pio XII! Leggi con attenzione le pagine 7-11 (Edition de la Bonne Presse).
  8. F. Rossignol, Pour connaître Georges Sorel (Bordas, 1948), p. 94.

 


Fonte: Louis Jugnet (1913-73), auto-definitosi cattolico metafisico e controrivoluzionario di formazione Scolastica; ha insegnato in un liceo e all'istituto di Studi Politici di Tolosa; era considerato il miglior insegnante di filosofia del suo tempo da parte del ministro francese dell'istruzione ed era mentore amato da molti dei suoi studenti; ha scritto diversi libri ed dava contributi occasionali a Itinéraires. L'articolo originale “Comment combattre une hérésie” è stato pubblicato su Itinéraires, No. 87 di Novembre 1964, pp. 126-131.

Pubblicato su The Angelus Online (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Il contenuto non impegna, nè dipende dalla Parrocchia S. Matteo di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei alla Parrocchia, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche storiche, mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

 

Hanno detto di Lui

Area riservata

Accedi Registrati

Google Translate

itzh-TWenfrdeptrues

Donazioni239x100

Condividi su:

FacebookTwitterDeliciousStumbleuponReddit