NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Francesco fa la crociata anti-fumo, ma si diventa santi anche col sigaro

 

 

Contro la svolta salutista in Vaticano, una reliquia “tradizionalista” e originalissima di San Pio X, tabagista

Portrait of Pope St. Pius XLe immagini del fantasioso Pio XIII di Paolo Sorrentino, alias Lenny Belardo, sono fin troppo recenti: il giovane pontefice ultraconservatore riceve in Vaticano i suoi ospiti fumando una sigaretta dopo l’altra incurante delle loro reazioni.


Nella realtà, invece, è l’arcivescovo di Napoli, il cardinale Crescenzio Sepe, a farsi notare per la sua smodata passione per le bionde: due pacchetti al giorno di Ms, per l’occasione ribattezzate “Maria Santissima”.


Quando nel 2015 san Gennaro impiegò dieci ore per fare il miracolo del sangue, Sua Eminenza Sepe si concesse pure una battuta personale: “In dieci ore ho fumato mezza sigaretta, questo è il vero miracolo”. La notizia francescana della settimana scorsa è dunque questa: papa Bergoglio ha detto basta con le sigarette in Vaticano. Fumo come vizio ma anche come business.


Detto che il catechismo della Chiesa cattolica vieta l’abuso del tabacco, non l’uso, in nome della temperanza; finanche la svolta salutista del pontefice argentino è stata accolta con le solite critiche dai siti tradizionalisti.

Non solo. A fronte del divieto bergogliano è stata rilanciata un’originale reliquia di San Pio X (nella foto), papa Giuseppe Sarto regnante dal 1903 al 1914, autore dell’enciclica contro gli “errori”del modernismo. Papa Sarto fumava il sigaro e un mozzicone è oggi conservato in un santuario.

C’è pure l’autentica dell’allora cappellano particolare di Sua Santità, monsignore Giovanni Bressan: “Sigaro usato da S. S. Pio X la sera del 10 luglio 1909 dopo la cena, alle ore 10 circa pom. Era la seconda volta che fumava dopo l’elevazione al Sommo Pontificato. E fu anche l’ultima”.

Pio X continuò però a “tabaccare”, cioè a godersi le tradizionali “prese” di tabacco da fiuto, passione questa che ebbe persino padre San Pio da Pietrelcina.


Un altro pontefice fumatore elevato agli onori dell’altare fu Giovanni XXIII, che la sera si concedeva una sigaretta mentre guardava il telegiornale.


Paolo VI, al momento solo beato, fu infine un papa ex fumatore tollerante con gli ospiti tabagisti, cui procurava un posacenere. E quando denunciò il “fumo di Satana” nella Chiesa si riferiva a ben altro.

 

 

 


Fonte: Fabrizio d’Esposito su Il Fatto Quotidiano.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Il contenuto non impegna, nè dipende dalla Parrocchia S. Matteo di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei alla Parrocchia, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche storiche, mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

 

Hanno detto di Lui

Area riservata

Accedi Registrati

Google Translate

itzh-TWenfrdeptrues

Donazioni239x100

Condividi su:

FacebookTwitterDeliciousStumbleuponReddit