NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Josephine Bakhita, la santa africana che fu battezzata dal Cardinale Sarto

 

 

St Josephine BakhitaSanta Giuseppina Bakhita (1868-1947) è nata in Sudan. Non sappiamo quale nome le abbia dato la sua famiglia perché quando aveva circa 9 anni, gli schiavisti arabi l'hanno rapita e venduta. Non ha mai più visto la sua famiglia.


Un mercante di schiavi le diede il nome di Bakhita, che significa "fortunata". Fu venduta e rivenduta fino a quando, a circa 15 anni, fu acquistata da un console italiano che la liberò. Quando lui tornò in Italia nel 1885, invitò Bahkita a venire. In Italia ha trovato lavoro occupandosi di una bambina.


Ha quindi accompagnato la bambina in un convento dove le suore le insegnavano il catechismo per prepararla alla Prima Comunione. Bakhita sentì qualcosa di ciò che veniva insegnato ai bambini e fece impressione su di lei. Ha chiesto alle suore di istruire anche lei.


Il 9 gennaio 1890, Bakhita fu battezzata, ricevette la sua Prima Comunione e fu cresimata, tutto nello stesso giorno, e tutte le cerimonie sono state celebrate dal Patriarca di Venezia, il Cardinale Giuseppe Sarto, meglio conosciuto come il futuro Papa San Pio X
.


Bahkita, ora conosciuta come Giuseppina, è diventata una delle Figlie della Carità Canossiane a Verona. Ha lavorato come cuoca e come guardiana del convento. Suor Giuseppina aveva il dono di saper dare conforto agli ammalati e a coloro che soffrivano, e ad assistere i poveri. Quelli che bussavano alla porta del convento hanno detto che le sue preghiere hanno provocato miracoli.


Sul suo letto di morte, avvenuta l'8 febbraio 1947 a Schio, suor Giuseppina fu presa dal delirio e pensò di essere di nuovo una schiava. Continuava a ripetere, "Per favore, le catene sono così strette. Per favore allentale".


Papa Giovanni Paolo II ha canonizzato Giuseppina nel 2000. Mentre si unisce ai santi africani, è l'unica santa della Chiesa cattolica del Sudan.

 St. Josephine Bakhita Quote'Se incontrassi i mercanti di schiavi che mi hanno rapita e anche torurata, mi inginocchierei e bacerei le loro mani, perché se non fosse successo, non sarei Cristiana e Religiosa oggi' - Santa Giuseppina Bakhita

 

 


Fonte: Thomas Craughwell in National Catholic Register (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Il contenuto non impegna, nè dipende dalla Parrocchia S. Matteo di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei alla Parrocchia, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche storiche, mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

 

Hanno detto di Lui

Area riservata

Accedi Registrati

Google Translate

itzh-TWenfrdeptrues

Donazioni239x100

Condividi su:

FacebookTwitterDeliciousStumbleuponReddit