NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Il falso Dio della povertà

 

 

Il falso Dio della povertàIn linea con la sua visione di una Chiesa "dei poveri e per i poveri", Papa Francesco ha incontrato e sospeso la scorsa settimana [l'articolo è del 1 Novembre 2013] il vescovo di Limburgo, Franz-Peter Tebartz-van Elst. Il vescovo era stato nei titoli per gran parte del mese precedente a causa dei costosi lavori di ristrutturazione della sua residenza, ammontanti a 40 milioni di dollari. La Conferenza episcopale tedesca sta attualmente conducendo un'indagine sulla questione e nessuna punizione sarà stabilita in modo permanente fino a quel momento.

Tuttavia, gli osservatori vaticani prevedono che se il vescovo sarà dichiarato colpevole, non verrà reintegrato come vescovo di Limburg [ndt: proprio quello che è successo]. Questo episodio è degno di nota, poiché Tebartz-van Elst era stato in precedenza nominato da papa Benedetto presumibilmente per "combattere le tendenze 'progressiste' nella chiesa tedesca" [1].

Sfruttando l'enfasi posta dal Papa sui poveri, il vescovo ausiliare Robert McElroy di San Francisco, in un articolo del 21 ottobre 2013 su America Magazine, ha suggerito che la povertà fosse una questione morale equivalente all'aborto. Ha dichiarato:

"Se la Chiesa cattolica è veramente una "chiesa per i poveri" negli Stati Uniti, deve elevare la questione della povertà ai vertici della sua agenda politica, stabilendo la povertà al fianco dell'aborto come questione morale preminente che la comunità cattolica persegue in questo momento della storia della nostra nazione". [2]

Inoltre, il vescovo McElroy ha anche sottinteso che l'opposizione a certi programmi progressivi di welfare governativi e politiche fiscali è un peccato:

"... le scelte di cittadini o funzionari pubblici che sistematicamente, e quindi ingiustamente, diminuiscono il sostegno finanziario del governo ai poveri, respingono chiaramente gli insegnamenti cattolici di base sulla povertà e sulla giustizia economica. Le decisioni politiche che riducono l'assistenza allo sviluppo dei paesi più poveri rifiutano gli insegnamenti cattolici di base. Le politiche fiscali che aumentano invece di ridurre le disuguaglianze respingono gli insegnamenti cattolici di base" [3].


Sulla stessa linea, il vescovo Robert Lynch di St Petersburg, in Florida, si è scagliato contro i gruppi Pro-Life ad agosto, equiparando la questione dell'aborto alla questione degli "aiuti alimentari", nonché dell'immigrazione e della pena di morte:

"Sono convinto che molti cosiddetti gruppi Pro-Life non siano realmente a favore della vita ma semplicemente anti-aborto. Non abbiamo sentito nulla da chi urla più forte nel movimento Pro-Life nell'ultima settimana quando la Florida la scorsa notte ha giustiziato un uomo rimasto nel braccio della morte per 34 anni dopo essere stato diagnosticato con grave schizofrenia. Quale personalità ha giustiziato lo stato? Molti sacerdoti si stancano delle continue richieste di intervenire contro il sostegno legislativo all'aborto e le questioni relative alla contraccezione, ma nulla per la riforma dell'immigrazione, gli aiuti alimentari e la pena capitale" [4].


Inoltre, proprio questo mese la dottoressa Candida Moss, docente di Studi sul Nuovo Testamento all'Università Notre Dame, ha discusso il Fattore O'Reilly che Gesù era un socialista. Come prova di questa premessa ha citato esempi di Gesù e dei suoi seguaci che danno via "assistenza sanitaria gratuita" così come l'insistenza di Gesù "che i ricchi diano via i loro beni" [5].

Va da sé che pochi cattolici, tradizionali o meno, guarderebbero gentilmente un vescovo che spende 40 milioni di dollari per aggiornare la sua residenza. Allo stesso modo, pochi cattolici negherebbero che abbiamo l'obbligo di aiutare coloro che hanno un reale bisogno materiale. Negarlo significherebbe negare gli stessi insegnamenti di Cristo riguardo alle opere di misericordia corporale.


Tuttavia, con tutto il recente interesse sulla povertà come questione principale nella Chiesa, faremmo bene a ricordare che la missione della Chiesa non è eliminare la povertà sulla terra, ma salvare le anime. Cristo stesso ci ha detto che la prima missione è impossibile: "Perché i poveri li avete sempre con voi" [6]; mentre la seconda missione è essenziale.

Dobbiamo anche ricordare che i comunisti, specialmente nelle democrazie latinoamericane, storicamente hanno sfruttato il problema della povertà. Le tattiche fondamentali del marxismo hanno sempre implicato suscitare rabbia per l'ingiustizia della povertà e indirizzarla verso le classi dirigenti benestanti. I comunisti che si infiltrano poi, fomentano una guerra di classe con l'intenzione di rovesciare il governo esistente, promettendo il paradiso dei lavoratori a coloro che assistono nello sforzo. Come abbiamo visto, tuttavia, una volta che i comunisti hanno preso il potere, non hanno bisogno dei loro ex lavoratori impoveriti. Quindi vivono come i loro ex sovrani benestanti, tranne che con una povertà ulteriormente espansa invece che estirpata.

Nell'attuare la loro ideologia nel secolo scorso, i comunisti hanno purtroppo trovato amici nei preti Cattolici idealisti che, ispirati dal falso affetto comunista per i poveri, hanno sviluppato un'intera "teologia della liberazione" attorno al problema. Anche assumendo le migliori intenzioni da parte loro, questi preti sono spesso stati involontari facilitatori della propaganda comunista. Perché la "Teologia della liberazione" fa la caricatura del vero cattolicesimo, trasformandolo in un semplice braccio religioso del marxismo.


Questo "dio" marxista della povertà dovrebbe essere esaminato ancora più da vicino negli Stati Uniti. In questo paese, quelli considerati al di sotto della "soglia di povertà" e meritevoli di assistenza da parte del governo, hanno spesso uno standard di vita più elevato rispetto alla classe media e persino ai "ricchi" di alcuni paesi del terzo mondo. Secondo un rapporto del U.S. Census pubblicato a settembre, questo era il caso delle famiglie americane in "povertà" nel 2011: il 97,8% aveva frigoriferi, il 96,6% aveva stufe a gas o elettriche, il 96,1% aveva televisori, il 93,2% aveva microonde, l'83% aveva una sorta di DVR, l'80,9% aveva telefoni cellulari oltre ai telefoni fissi e il 58,2% aveva computer [7]. Tenendo conto di queste statistiche, possiamo, come cattolici, sostenere davvero che questi individui "poveri" hanno diritto allo stesso status di vittime dei bambini abortiti? Allo stesso modo, possiamo dire che l'incapacità di sostenere i programmi di welfare del governo per queste persone è l'equivalente morale del sostegno ai politici pro-aborto?

Oltre alla povertà, ci si è di recente concentrati sulla virtù dell'umiltà, in larga misura. Il messaggio è stato chiaro che l'umiltà e la povertà si intrecciano. È stata avanzata l'idea che, per essere un uomo di chiesa veramente umile, bisogna astenersi da ogni cosa di valore fino al punto di rifiutare i corredi naturali del proprio servizio; fino al punto di rifiutare quelle cose donate e frutto di sacrifici per quel servizio dai cattolici nell'arco di due millenni.


In contrasto con questa narrativa, mi piacerebbe proporre una diversa visione cattolica dell'umiltà e della povertà. Mi piacerebbe farlo raccontando una storia. C'era una volta un ragazzo cresciuto come figlio di un postino. Era molto povero e uno degli otto figli. Sapendo che i suoi genitori non avevano soldi per permettersi scarpe nuove, si portava le scarpe sulle spalle durante i lunghi spostamenti da e per la scuola per risparmiarle dall'usura. Questo ragazzo sarebbe diventato in seguito un semplice prete di campagna prima di essere eletto papa tra le sue stesse proteste. Successivamente sarebbe stato imbarazzato dallo sfarzo della corte papale. "Guarda come mi hanno vestito", diceva in lacrime a un vecchio amico. All'altro: "È una penitenza essere costretti ad accettare tutte queste pratiche. Mi portano in giro circondato da soldati come Gesù quando fu catturato nel Getsemani".

Eppure lo accettava come penitenza che faceva. Sapeva che tutto questo sfarzo non era per lui, ma per l'ufficio del vicario di Cristo a cui i fedeli desideravano mostrare la loro generosità e adulazione. Perché onorando il vicario di Cristo onoravano Cristo stesso. Con lo stesso spirito, non ha badato a spese per il suo Divino Signore mentre incoraggiava a dargli solo ciò che era più bello in arte, architettura e musica.

Benché molto generoso con i poveri, riempendo una volta il Palazzo Apostolico di profughi di un terremoto, la povertà non era al centro del suo pontificato. Invece il suo obiettivo era lo sradicamento dell'errore dalla Chiesa e la purezza della dottrina e dell'adorazione. Perché sapeva che queste cose erano essenziali per la missione della Chiesa di salvare anime che deve avere sempre la priorità. Tuttavia ha vissuto una vita interiore di povertà e umiltà, che lo ha ispirato a scrivere le parole: "Sono nato povero, ho vissuto povero, desidero morire povero" nelle sue ultime volontà e testamento. Questo grande uomo è il Papa San Pio X.

 

 

 


Note:

  1. Irish Times
  2. http://www.americamagazine.org/church-poor
  3. http://www.americamagazine.org/church-poor
  4. http://bishopsblog.dosp.org/?p=5837
  5. http://www.youtube.com/watch?v=DD1IzvCv9AQ
  6. Matteo 26:11
  7. http://www.census.gov/prod/2013pubs/p70-136.pdf

 


Fonte: Peter Crenshaw in The Remnant (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Il contenuto non impegna, nè dipende dalla Parrocchia S. Matteo di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei alla Parrocchia, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche storiche, mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

 

Hanno detto di Lui

Area riservata

Accedi Registrati

Google Translate

itzh-TWenfrdeptrues

Donazioni239x100

Condividi su:

FacebookTwitterDeliciousStumbleuponReddit