NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Ma San Pio X era un liberale?

 

 

Ma San Pio X era un liberale?Apoteosi di San Pio X 1914-1915 di Biagio Biagetti, Cattedrale di Treviso

Il 3 settembre è la festa tradizionale di San Pio X. Quella è, naturalmente, una giornata di preghiera e di memoria di questo Santo grande e venerato. Tuttavia, è anche un giorno in cui dovremmo forse farci qualche domanda sul motivo dietro lo strano elogio che certi presuli moderni, incluso il papa, gli stanno dando [ndt: l'articolo è del 2014].

Il 21 agosto 2014, festa di San Pio X nel nuovo calendario, papa Francesco ha fatto scalpore assistendo a una messa in onore di San Pio X ed esprimendo ammirazione per lui. Come riportato da Vatican Insider:

"Sono un devoto di San Pio X ...". Così Francesco ha spiegato a mons. Lucio Bonora la sua presenza tra i fedeli nella cappella dedicata a San Pio X. La cappella, situata nella basilica di San Pietro, custodisce le reliquie del defunto papa veneto. Lucio Bonora è un prelato di Treviso nel nord Italia che lavora nella Segreteria di Stato ed è uno studioso di San Pio X. Venerdì 21 agosto, il giorno in cui la Chiesa commemora San Pio X, Francesco ha celebrato una messa mattutina privata e è entrato nella basilica per pregare sulla tomba del suo predecessore. A 7 anni, mentre si inginocchiava all'altare, p. Bonora ha iniziato la sua celebrazione. Quando è entrato nella cappella, ha visto circa una cinquantina di fedeli ed ecco, c'era anche il Papa. Secondo il sito del settimanale diocesano trevigiano ‘La Vita del Popolo’, Francesco ha deciso di rimanere per la celebrazione della messa. Si è alzato dal banco per scambiare il segno della pace e si è messo in fila per ricevere la comunione, seguito da un momento di adorazione quando Francesco ha reso grazie in ginocchio ...

 

Molti cattolici tradizionali si chiedevano, e se lo chiedono ancora, come un papa così liberale come Francesco possa essere un devoto di San Pio X. Molti hanno scosso la testa e l’hanno attribuito alla natura apparentemente erratica e contraddittoria di molte altre azioni del papa. Ma esiste un metodo in questa follia?

La chiave è riconoscere la differenza nel modo in cui tradizionalisti e liberali vedono San Pio X. I tradizionalisti vedono l'uomo che ha coraggiosamente combattuto una crociata contro la pestilenza del Modernismo nella Chiesa, e che ha sanzionato il clero che diffondeva questo errore, il tutto mentre difendeva la verità cattolica. I liberali, d'altra parte, considerano le azioni di San Pio X contro il Modernismo come limitate al loro tempo e contesto storico, e si concentrano invece sull'amore per la povertà di San Pio X e sulle sue riforme della liturgia e della curia. Ma soprattutto, i liberali amano citare il suo allentamento delle regole sulla ricezione dell’eucaristia per consentire ai fedeli di riceverla quotidianamente e aprire la comunione ai bambini di età più giovane.

Ora, per essere certi, tutti questi atti e aspetti di San Pio X a cui i liberali puntano erano buoni di per sé. Il pericolo risiede nel modo in cui la sinistra gira questi eventi, tentando di cooptare l'eredità di San Pio X per sostenere la propria agenda. La prima cosa che fanno è confondere, forse deliberatamente, gli atti dottrinali irrefutabili di Pio X con gli atti pastorali e prudenziali mutevoli di Pio X.

Gli scritti di Pio X che condannavano il Modernismo non erano solo limitati ai suoi tempi, ma sono per sempre. Il modernismo era errato allora ed è tuttora errato, proprio perché è un attacco alla natura stessa della Chiesa e alla natura immutabile del dogma.

D'altra parte, i cambiamenti disciplinari compiuti da Pio X, come l'accettazione più frequente della Santa Comunione, erano mutevoli e sono stati determinati dai tempi in cui viveva. Senza dubbio Pio X credeva che la santa riverenza e il rispetto per l'Eucaristia fossero in un punto così alto nella Chiesa che non ci sarebbe stato pericolo per i fedeli di trattare la frequente comunione in modo casuale. Invece, Pio X credeva che, in questo contesto, espandere le opportunità per la Santa Comunione non potesse che aumentare la santità e la devozione nei fedeli. Questo era un giudizio prudente e saggio per i tempi in cui viveva Pio X.

Al contrario, è interessante pensare a cosa potrebbe fare Pio X ai nostri giorni. Oggi quasi nessuno va alla confessione, eppure le file della Comunione sono lunghe. Inoltre, il Corpo di Cristo viene spesso trattato con un rispetto non superiore a quello di patatine che vengono distribuite da laici nelle mani di altri laici in piedi. In questo contesto, non è irragionevole credere che Pio X possa immediatamente revocare il suo permesso di ricevere frequentemente la Comunione, fino a che non sarà posto rimedio a questo tragico atteggiamento a favore dei laici.

Oltre all'Eucaristia, i liberali si concentrano sulla povertà e l'amore dei poveri di Pio X. È vero che Pio X possedeva queste qualità. Eppure ci sono differenze fondamentali nel modo in cui S. Pio X si è avvicinato a questi problemi e come i liberali hanno affrontato questi problemi. Per prima cosa, l'attenzione nel pontificato di Pio X era la difesa dell'ortodossia. Essere generosi con i poveri non significa nulla se i poveri e il resto della Chiesa sono infettati da errori distruttivi. Inoltre, anche se San Pio X crebbe in povertà e non amava l'ostentazione del papato, lo sopportò per rispetto dell'ufficio papale. Tutti i suoi atti di umiltà e povertà sono stati fatti in privato. Sappiamo di loro solo attraverso la successiva scrittura di testimoni. Non ha fatto spettacoli pubblici, per sconfessare e condannare la gloria che tutti i cattolici volevano dare al vicario di Cristo, quindi, in effetti, facendo apparire tutti i suoi predecessori orgogliosi e vanitosi.

Il processo di cooptazione e distorsione dell'eredità di San Pio X può essere visto più chiaramente nell’intervista su ZENIT del 13 giugno 2014 a padre Bernard Ardura, presidente del Pontificio Comitato per le Scienze Storiche. Il 2014 è stato il 100° anniversario della morte di San Pio X e il Comitato ha organizzato una giornata di studio dal titolo "San Pio X: un Papa riformatore di fronte alle sfide del nuovo secolo". Nell'intervista, P. Ardura ha dichiarato quanto segue:

"Durante il suo pontificato fu un riformatore molto importante, ma tra le sue attività riformatrici, dovette anche intervenire su questioni relative alla dottrina, poiché stava affrontando un movimento difficile, chiamato modernismo. E la sua condanna del modernismo oscurò le parti positive del suo ministero. Fu ricordato come un Papa di condanna, ma, invece, fu veramente un grande riformatore, un grande innovatore. Sì, condannava il modernismo, ma in effetti era molto moderno, il che è ovvio attraverso le sue riforme".

La condanna del modernismo da parte di San Pio X "oscurò" le parti "positive" del suo ministero? Questo significa che la lotta di San Pio X contro il Modernismo è stata una parte "negativa" del suo ministero? "Un Papa di condanna"? Dal momento che l'avvento del Vaticano II, la nozione stessa di condannare una qualsiasi cosa, non importa quanto pericolosa per le anime, è considerata una cosa negativa? Eppure guarda su cosa si concentra p. Ardura come "positivo". Definisce San Pio X un "grande riformatore, un grande innovatore" "molto moderno". Se una persona ascolta p. Ardura penserebbe che San Pio X fosse il precursore a Hans Kung dell'inizio del XX secolo. Quando vedi i prelati liberali lodare San Pio X, ricorda queste parole di p. Ardura. Perché questa caricatura inventata è ciò in cui hanno trasformato il grande Papa. Fr. Ardura continua:

"Era più consapevole degli altri predecessori papali che lo stato del pontificato doveva andare avanti e non poteva andare indietro, solo in avanti ... Un altro contributo chiave era legato alla ricezione dei sacramenti, in particolare alla Comunione. Avanzò l'idea che i giovani, intorno ai sette anni, potessero ricevere la Prima Comunione, anche se a quel punto non conoscevano pienamente la dottrina della Chiesa. Inoltre, ha avanzato l'idea che gli adulti si rechino alla comunione più spesso. Prima che il pensiero fosse quello, si dovevano confessare prima di andare alla Comunione. Pur sostenendo la confessione regolare, ha avanzato l'idea di andare spesso alla Comunione, incoraggiando persino i cristiani ad andare ogni giorno".

"Prima il pensiero era che ci si doveva confessare prima di fare la Comunione"? Che cosa terribilmente strana da dire per il Presidente di un Pontificio Comitato. P. Ardura sta dicendo che San Pio X sentiva che non era più così? Che se i cattolici andavano a confessarsi "regolarmente" non dovevano più assicurarsi che tutti i peccati mortali fossero confessati ogni volta che ricevevano la Santa Comunione? Ovviamente, San Pio X non pensava nulla del genere. E p. Ardura è incaricato di studiare l'eredità di questo grande papa santo? Dio ci aiuti. Eppure, p. Ardura ha salvato il "meglio" per ultimo mentre cerca di definire il ‘Modernismo’ su ZENIT ...

È un errore, un errore filosofico, che relativizza un po' di tutto, e da un punto di vista dottrinale, è qualcosa di delicato. Ad esempio, diverse idee sono state promulgate nel particolare contesto culturale del tempo. Ma oggi, non dobbiamo relativizzare questi diversi punti di vista sulla dottrina. Pio X, possiamo dire, stava lavorando in un contesto particolare".

La Chiesa in cui crediamo, è ispirata dallo Spirito Santo in un contesto che non è per qualche causa accidentale, ma contiene la sostanza di insegnamenti ispirati dallo Spirito Santo, e quindi, non dobbiamo relativizzare queste realtà, che sono fondamentali, perché altrimenti dovremmo mettere in discussione tutto ciò in cui crediamo.

E il gioco è fatto. Il modernismo, chiamato "la sintesi di tutte le eresie" di San Pio X è ora "qualcosa di delicato?" Apparentemente Pio X non era d'accordo. Perché sappiamo come ha risposto quando gli è stato chiesto di andare leggero sui modernisti:

"La gentilezza è per gli sciocchi. Vogliono che vengano trattati con olio, sapone e carezze ma devono essere colpiti con i pugni! In un duello non conti o misuri i colpi, colpisci il più possibile. La guerra non è fatta di carità, è una lotta, un duello. Se Nostro Signore non fosse terribile non avrebbe dato un esempio anche in questo. Guarda come ha trattato i Filistei, i seminatori di errori, i lupi travestiti da pecore, i traditori nel tempio. Li ha flagellati con fruste!"

Difficilmente un approccio "delicato". Quindi p. Ardura afferma che "Pio X, possiamo dire, stava lavorando in un particolare contesto". Ma in quale possibile "contesto" poteva lavorare Pio X che avrebbe cambiato una virgola delle sue condanne dottrinali chiare e ripetute del Modernismo? Per il contesto questi decreti sono stati emessi in cambiamenti senza riguardo al loro contenuto. L'autore della voce ‘Modernismo’ nell'Enciclopedia Cattolica aveva persino detto questo sulla natura delle condanne di Pio X:

"Nell'opinione del presente scrittore, fin dalla nuova conferma data dal Motu Proprio a questi decreti [Pascendi e Lamentabili], essi contengono nelle loro conclusioni dottrinali l'insegnamento infallibile del Vicario di Gesù Cristo".

Quindi, perché tutte le improvvise lodi e riscritture dell'eredità di San Pio X da parte di chierici liberali, uno si chiede? La risposta potrebbe avere qualcosa a che fare con il prossimo Sinodo sulla famiglia. Sappiamo che la sinistra è alla disperata ricerca di un supporto teologico per permettere ai divorziati risposati di ricevere la Comunione. Se sono in grado di trasformare l'eredità di San Pio X in quella di un "riformatore moderno", in particolare per quanto riguarda l'accoglienza della Santa Comunione, possono spiegare la loro posizione semplicemente come una promozione e estensione logica della politica eucaristico "liberalizzante" del defunto papa.

Considera solo alcune delle citazioni che ho citato sopra nel contesto di permettere ai divorziati risposati di ricevere la Comunione (enfasi aggiunta):

  • Fu ricordato come un Papa di condanna, ma, invece, fu veramente un grande riformatore, un grande innovatore. Sì, condannava il modernismo, ma in effetti era molto moderno, il che è ovvio dalle sue riforme.
  • Era più consapevole degli altri predecessori papali che lo stato del pontificato doveva andare avanti e non poteva andare indietro, solo avanti.
  • Un altro contributo chiave era legato alla ricezione dei sacramenti, in particolare alla Comunione ..., ha avanzato l'idea che gli adulti si rechino alla Comunione più spesso. Prima che il pensiero fosse quello ci si doveva confessare prima di andare alla Comunione ...

Inoltre, ricordiamo che in Evangelii Gaudium Francis affermava che l'Eucaristia "non è un premio per il perfetto ma una potente medicina e nutrimento per i deboli. Queste convinzioni hanno conseguenze pastorali che siamo chiamati a considerare con prudenza e audacia”. Queste parole di Francesco rendono ancora più interessante la seguente riga nel paragrafo conclusivo dell'articolo di Vatican Insider: "Lui [S. Pio X] ha presentato l'Eucaristia non come un premio per coloro che sono già perfetti, ma come un supporto quotidiano per le persone ad avvicinarsi a Dio".

Come ha affermato Papa Francesco, lui è un "devoto di San Pio X". La domanda che dovremmo porci è a quale San Pio X si riferisce il papa? Il vero San Pio X che difese la dottrina immutabile? O il finto "Pio X" di p. Ardura? Il prossimo ottobre [ndt: 2014], potremmo scoprirlo.

 

Il vero San Pio X

Infine, per non essere accusato di deprimere i miei lettori in una festa così gloriosa, vorrei concludere con le parole di Sua Eminenza il Cardinale Mercier riguardo a San Pio X, nella sua lettera pastorale di quaresima del 2 febbraio 1915:

"La premurosa gentilezza del Santo Padre non ha avuto il morbido sentimentalismo dei deboli. Pio X era forte. È stato riferito che è stato autore di una breve preghiera che i sacerdoti hanno da dire in certi momenti per il loro vescovo. Dice così: «Stet et pascat in fortitudine tua, Domine, in sublimit ate nominis tui» (Forte nella tua forza, o Signore, permettigli di reggersi e di alimentare il gregge nella sublimità del tuo nome).

"E questo, a meno che non mi sbagli, è la nota caratteristica del defunto Papa: una meravigliosa combinazione di tenerezza paterna con una forza di carattere che lo ha reso padrone di sé e ha impartito alla sua anima stabilità di equilibrio, riempiendo la sua espressione con quella mescolanza di gravità, serenità, condiscendenza e quasi di giocosità, che tanto fortemente attraevano tutti per il suo fascino.

"Il pubblico guardava con meraviglia, a volte con ansia, e ammirava il virile Pontefice nella sua lotta corpo a corpo con il Modernismo. Ai tempi di Lutero e di Calvino, se la Chiesa avesse posseduto un papa del temperamento di Pio X, il protestantesimo sarebbe riuscito a far uscire un terzo dell'Europa da Roma?

"Pio X era un uomo di intuizione acuta e decisione. Non si lasciava sedurre dalle lusinghe dei riformatori, ingenuamente ambiziosi di infondere sangue nelle vene della Chiesa e sognare di modernizzarla per adattarsi alle fantasie e agli errori del protestantesimo e del razionalismo attuali.

"Fedele alla Tradizione cattolica, ha fatto trasparire l'assioma che nel V secolo, San Vincenzo di Lerins, egli stesso discepolo di un martire-vescovo del terzo secolo, San Cipriano, usato contro coloro che favorivano un progresso dottrinale che la coscienza Cristiana avrebbe ritenuto non essere un miglioramento ma una rivoluzione, in cui tutti i tesori del passato sarebbero scomparsi: Nihil innovetur nisi quod traditum est (Nessuna innovazione, ma aderire alla tradizione).

"Il suo piano, una volta stabilito, il Papa lo ha perseguito, sia nel suo complesso che nel dettaglio, sia nella sfera della dottrina che della disciplina, nelle opere scientifiche, nella stampa, nella letteratura, nell'insegnamento dei Seminari e delle Università e persino nelle persone di coloro che amava di più; ha perseguito la sua piena realizzazione, dico, con un'energia e una perseveranza che a volte erano sconcertanti.

"Quando osserviamo da lontano questa linea di azione, poliedrica eppure ampia, eppure penetrante, siamo unanimi nella nostra ammirazione per la forza di carattere del nostro grande Papa, e nel ringraziare la Provvidenza per aver salvato il cristianesimo da un immenso pericolo, non solo di un'unica eresia ma di tutte le eresie combinate, amalgamate insieme in un modo più o meno traditore”. (Lettre Pastorale et mandement de Carême de 1915)

 

 


Fonte: Chris Jackson in The Remnant (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Il contenuto non impegna, nè dipende dalla Parrocchia S. Matteo di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei alla Parrocchia, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche storiche, mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

 

Hanno detto di Lui

Area riservata

Accedi Registrati

Google Translate

itzh-TWenfrdeptrues

Donazioni239x100

Condividi su:

FacebookTwitterDeliciousStumbleuponReddit