Tanti nuovi parenti

In un pomeriggio di autunno, nell'ora del consueto passeggio, Pio X attraversava lentamente la sala detta 'degli Svizzeri' per avviarsi all'ascensore privato; era con Lui il giovane sacerdote, ora monsignore, Ludovico Parolin, figlio di una cugina del Pontefice ed a Questi caro ed affezionato.

Poco distante dalla cabina dell'ascensore Pio X incontrò l'Archiatra pontificio dotto Amici, il "beato Andrea", come scherzosamente il Papa chiamava il proprio medico, per la sua squisita bontà e grande carità.

Il medico si chinò al bacio della Mano e chiese al Pontefice, come di consueto, notizie sullo stato della Sua salute. Ma quando si accorse della presenza del giovane sacerdote: "Padre Santo", disse, "questo giovane sacerdote è forse congiunto della Santità Vostra?"

"Proprio, dottore, è un mio caro cugino", rispose il Papa. "Avete molti parenti, Santità?", interrogò il dottor Amici.

"Tanti, dottore, come la generazione di Abramo", soggiunse Pio X, e continuò "... e tanti altri si sono fatti parenti ... così ... di loro spontanea volontà ... dopo l'elezione, in omaggio al noto detto «finché io ero Enea, nessuno mi conosceva; ora che sono Pio, tutti mi chiamano zio!".

E con un affettuoso e benedicente cenno della Mano, con il sorriso sulle labbra, il Papa si avviò all'ascensore, seguito da don Lodovico.

(Ignis Ardens, Nov 1954)

Area riservata

Accedi

Google Translate

itenfrdeplptrues

Aiuta la tua parrocchia

Donazioni239x100

Condividi su:

FacebookTwitterDeliciousStumbleuponReddit
We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.