Il 'supplente' del parroco

Scrive il Dal Gal, nel 'Beato Pio X', edito dal 'Messaggero di S. Antonio' di Padova:

Se vi era mancanza che rendesse il Vescovo Sarto severo ed inesorabile, era la trascuratezza nell'adempimento del sacro dovere di istruire i fedeli sulle verità fondamentali della fede.

Non ammetteva scuse.

Un giorno era venuto a sapere che un Parroco lasciava molto a desiderare nel compiere il dovere di spiegare il Catechismo al popolo. Una domenica, dopo mezzogiorno, mons. Sarto si reca in quella parrocchia; bussa alla porta della canonica ... nessuna risposta; il Parroco è assente. Entra in chiesa, chiama il sagrestano ed ordina di dare, con la campana, il segno della Dottrina Cristiana.

Al suono il popolo accorre: accorre anche il parroco, ben lontano dall'immaginare quello che accadeva. Al suo affacciarsi in chiesa, il Vescovo, interrompendo la spiegazione della Dottrina già incominciata:

"Ecco, - disse - che il Parroco è arrivato! ..." - come avesse voluto dire: "Ora che è arrivato, continuerà lui!".

"Eccellenza, non ho potuto esimermi dall'accettare un invito ...".

"Bene - rispose il Vescovo Sarto - un'altra volta, quando dovete accettare inviti, avvisatemi e verrò io stesso a supplirvi!".

 

(Fonte: Ignis Ardens, maggio 1955)

Area riservata

Accedi

Google Translate

itzh-TWenfrdeptrues

Donazioni239x100

Condividi su:

FacebookTwitterDeliciousStumbleuponReddit
We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.