NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

'... prima cal vaga via el faga li tajadeli!'

Una mattina saliva le scale dell'episcopio un vecchietto arzillo, in abito decente, quantunque molto rattoppato per il lungo uso. Recava una sporta e domandava di vedere il Cardinale, ma il Segretario, credendo volesse la elemosina, fece per mettergli in mano alcuni spiccioli.

"Oh, sior no; a no so miga vegnù per domandar la carità!" e spiegò come, avendo udito che il Vescovo era in procinto di partire da Mantova, era venuto da Correggioli per vederlo un'ultima volta. Erano trenta e più chilometri che il poveretto aveva percorso a piedi, camminando tutta la notte..

Il Segretario del Cardinale lo annunciò e fu subito ricevuto. Un po' titubante varca la soglia dello studio vescovile ed appena veduto mons. Sarto, con una incantevole semplicità gli dice: "Oh! Sior, ò sentì cal va via: a ricordi ancora quando l'è vegnù a Correggioli e ò volì (voluto) che prima cal vaga via el faga (faccia) li tajadeli!".

Nella sporta, che offriva aperta, sorridendo, c'erano della candida farina di frumento e sei uova: quanto occorreva per fare le 'tagliatelle'.

L'omaggio semplice ed umile del buon vecchietto era l'espressione dell'amore di tutto un popolo per il suo indimenticabile Vescovo.

 

(Fonte: Ignis Ardens, maggio 1955)

Area riservata

Accedi Registrati

Google Translate

itzh-TWenfrdeptrues

Donazioni239x100

Condividi su:

FacebookTwitterDeliciousStumbleuponReddit