'... prima cal vaga via el faga li tajadeli!'

Una mattina saliva le scale dell'episcopio un vecchietto arzillo, in abito decente, quantunque molto rattoppato per il lungo uso. Recava una sporta e domandava di vedere il Cardinale, ma il Segretario, credendo volesse la elemosina, fece per mettergli in mano alcuni spiccioli.

"Oh, sior no; a no so miga vegnù per domandar la carità!" e spiegò come, avendo udito che il Vescovo era in procinto di partire da Mantova, era venuto da Correggioli per vederlo un'ultima volta. Erano trenta e più chilometri che il poveretto aveva percorso a piedi, camminando tutta la notte..

Il Segretario del Cardinale lo annunciò e fu subito ricevuto. Un po' titubante varca la soglia dello studio vescovile ed appena veduto mons. Sarto, con una incantevole semplicità gli dice: "Oh! Sior, ò sentì cal va via: a ricordi ancora quando l'è vegnù a Correggioli e ò volì (voluto) che prima cal vaga via el faga (faccia) li tajadeli!".

Nella sporta, che offriva aperta, sorridendo, c'erano della candida farina di frumento e sei uova: quanto occorreva per fare le 'tagliatelle'.

L'omaggio semplice ed umile del buon vecchietto era l'espressione dell'amore di tutto un popolo per il suo indimenticabile Vescovo.

 

(Fonte: Ignis Ardens, maggio 1955)

Area riservata

Accedi

Google Translate

itenfrdeplptrues

Aiuta la tua parrocchia

Donazioni239x100

Condividi su:

FacebookTwitterDeliciousStumbleuponReddit
We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.