NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Ironia con tutti

Il minuscolo processo informativo sul mio povero nome (scrive l'Autore sottoindicato) per la mia nomina a Cameriere Segreto Partecipante con la qualifica di Segretario di Sua Santità per le Ambasciate, era stato fatto dall'Em.° Card. Merry del Val e dal suo fedelissimo Sostituto Mons. Nicola Canali.

Una mattina trovai il S. Padre seduto alla scrivania, intento a leggere il giornale «La Tribuna», che teneva tutto disteso davanti, seguendo le righe di una colonna col dito e dimostrando, con l'espressione del volto e con gesti di impazienza e di dispetto che la notizia che apprendeva gli era profondamente disgustosa.

Il Papa, troppo preoccupato nella Sua lettura, non mi dette alcuna attenzione, finché sollevando lo sguardo accigliato, "Oh!", esclamò, e mi fece cenno di avvicinarmi. "Ma ... chi è questo Conte Arborio Mella di Sant'Elia, che è in Quirinale?", mi disse rimettendo il dito sulla riga incriminata e scandendo marcatamente le parole.

Sorpreso e intimorito, caddi in ginocchio dicendo: "Padre Santo, credevo che Vostra Santità lo sapesse: è mio fratello". Inorridito alla rivelazione, con aspetto stravolto, il Vegliardo sollevò le braccia in alto e lasciando cadere pesantemente i pugni sul tavolo, esclamò nel suo dialetto veneziano: "Fradéo? Adeso semo ben piazzai; uno de qua e uno de là!"

Al graziosissimo scherzo risi di cuore, commosso per tanta degnazione usata dal Santo Pontefice, nel farmelo, preparando la burla perché l'effetto riuscisse perfettamente. E il Papa sorridente per lo spavento che mi aveva procurato, stropicciando le dita per alludere al denaro, mi domandò: "Ma ... quanto prende?".

"Padre Santo, press'a poco come me". "Oh!", esclamò il Pontefice, "allora non gli bastano neppure per i cilindri!".

Così semplice e così faceto, le Sue graziose arguzie toccavano tutti: prelati e domestici, familiari e fedeli.

Vi era un Prelato che aveva fama di essere attaccato al denaro: Dovendogli inviare delle pratiche da esaminare, il Papa esclamava, consegnandole al Suo aiutante: "Tenete, portate subito queste carte a Monsignore Tale; vi darà una buona mancia!". E lasciava ridere gli altri.

 

 

Fonte: «Istantanee inedite degli ultimi quattro Papi» di Mons. Alberto Arborio Mella di Sant'Elia, 1957, Edizioni Paoline - Ignis Ardens maggio-giugno 1957.

Area riservata

Accedi Registrati

Google Translate

itzh-TWenfrdeptrues

Donazioni239x100

Condividi su:

FacebookTwitterDeliciousStumbleuponReddit